Chiodi e puntine, i ciclisti della Centinarolese nel mirino dei vandali

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 28 ottobre 2015 – Non hanno sporto denuncia e non lo faranno. Perché tanto neppure le telecamere, in quel tratto di strada all’altezza di Marina di Montemarciano, hanno saputo fornire dettagli utili a risalire agli irresponsabili o vandali che domenica mattina hanno gettato puntine sull’asfalto poco prima che transitasse un gruppetto di cicloamatori fanesi della società ‘La Centinarolese’ che si sono poi dovuti fermare perché incappati in inevitabili forature ed anche in immancabili imprecazioni. 

Assieme ai carabinieri della locale stazione, sul posto dove i cicloamatori hanno raccolto numerose puntine, sono arrivati anche gli agenti della Polizia municipale. Sono state così visionato le riprese effettuate dalle telecamere installate in zona, ma la visione come detto non ha fornito elementi per risalire agli autori del gesto. Probabilmente si è trattato di una azione fulminea, se è vero che la manciata di puntine sarebbe stata gettata da un’auto che precedeva il gruppo di ciclisti che stava pedalando lungo la statale Adriatica per la consueta uscita domenicale. Gli accertamenti comunque proseguono.

“Domenica non c’ero assieme alla ventina di ciclisti incappati nelle puntine – dice il presidente de ’La Centinarolese’, Lorenzo Pierucci -. Ma ci era già capitato in quello stesso punto, in pratica dove si esce dal lungomare per immettersi sulla statale. Secondo noi si tratta di un gesto compiuto da una persona consapevole e che chissà per quale motivo c’è l’ha con i cicloamatori. Certo è che di puntine ne sono state gettate tante sulla strada. C’è chi ha forato, ma c’è anche chi è riuscito a continuare addirittura con sei puntine attaccate al tubolare, perché non era stata per fortuna bucata la camera d’aria”.

“E la seconda volta in due mesi – conferma Rodolfo Rosaverde che era in sella – e l’altra volta era successo pochi chilometri più a nord verso Senigallia. Veramente non sappiamo per quale ragione abbia fatto questo gesto. Diciamo che è uno che non ha niente di meglio da fare la domenica. Abbiamo chiamato i carabinieri che abbiamo incrociato in zona e spiegato loro quello che era successo. Spesso capita qualche discussione lungo la strada con alcuni automobilisti, ma ritengo che debba sempre e comunque prevalere il buon senso”. I carabinieri erano in zona proprio perché negli ultimi tempi sono stati molti gli episodi simili segnalati, anche da automobilisti. 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Paziente morta in ospedale, indagati quattro medici Successivo Demolita la baraccopoli di via dell'Acquedotto, sfollati 30 romeni