Chiusura punto nascite, giovane inizia ​lo sciopero della fame davanti all’ospedale

pioli

IL BORGHIGIANO FABRIANO IL BLOG DELLE MARCHE – Sciopero della fame per Roberto Pioli. Il giovane lo ha proclamato stamattina verso le 12 davanti all’ospedale “Bartolomeo Eustachio”. Si è piazzato vicino al piazzale della struttura sanitaria ed ha annunciato che rimarrà lì anche la notte. Dormirà in auto.

Pioli non accetta i tagli previsti dalla riorganizzazione sanitaria della Regione, sostiene che occorre un dialogo con i rappresentanti della Regione Marche. A riguardo chiede che al più presto venga indetto un tavolo tecnico per risanare l’attuale riforma rispondendo alle esigenze della popolazione.

Sempre oggi, davanti all’ospedale, si è svolta una manifestazione contro la riorganizzazione sanitaria. Tante persone sono giunte sul posto per sostenere il giovane in sciopero della fama e per dire no alla chiusura del Punto nascite all’ospedale di San Severino Marche ed ad altri tagli che riguardano altre strutture sanitarie del territorio maceratese come Tolentino e Recanati. Tra i manifestanti c’erano il sindaco di San Severino Marche Cesare Martini, di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, l’esponente di Forza Italia Barbara Cacciolari, Mario Chiarelli e Marco Massei del Comitato salvaguardia dell’ospedale, i consiglieri comunali di San Severino Marche Romina Cherubini ed Alessandra Aronne e Carla Messi, consigliere comunale maceratese del Movimento 5 stelle. Hanno anche partecipato una trentina di studenti dell’itis Divini di San Severino Marche.

Notizia riferita dal Corriere Adriatico

Precedente Fondazione Carisj cita per danni la Banca d'Italia Successivo Tenuti come in una prigione, salvati due cani