Cinema e vino ad Ascoli

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Ascoli, 27 agosto 2014- Edoardo VII diceva: “Il vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e … se ne parla”. Quale modo migliore di gustarlo e parlarne, direttamente nelle cantine o nelle aie di aziende vitivinicole accompagnandolo con prodotti tipici del territorio preparati nello spazio gastronomico e con davanti un buon film in pellicola 35 mm.

Questo è Cinemadivino, rassegna cinematografica che nelle sere d’estate ha coinvolto nel suo percorso enogastronomico importanti cantine del nostro territorio e che ora conclude il suo viaggio ad Ascoli Piceno domenica.

Il progetto, nato nel 2004 in Romagna e sviluppatosi progressivamente nel 2011 in Sardegna, nel 2012 in Piemonte, Lombardia e Marche,nel 2013 anche in Abruzzo, Basilicata, Trentino e Toscana è approdato ques’anno in Puglia e nel Lazio e raccoglie sempre più consensi.

Gli obiettivi di Cinemadivino sono molteplici: portare appassionati in cantina per far conoscere il lavoro dei produttori attraverso i loro racconti, la loro storia e la loro passione, il tutto assaggiando i prodotti del loro lavoro, per diffondere sempre di più la cultura del bere bene e avvicinando anche gli appassionati di cinema al vino di qualità e alla conoscenza del territorio.

Domenica 31 agosto, nella suggestiva cornice del chiostro di S. Francesco, si terrà l’ultimo appuntamento con tutti i vini delle aziende che hanno partecipato al progetto e la proiezione del film “Piccola Patria”, alla presenza del regista Alessandro Rossetto e dell’attrice Lucia Mascino.



Precedente Bellocchi, il pastificio cambia faccia Successivo Sindacati,bene aumento capitale Ferretti