«Color Festival», la carica dei mille. Giardino Colucci: dipinti dalla testa ai piedi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 22 giugno 2015 – Esplosione di colori in città. In più di mille si sono ritrovati al giardino Colucci per partecipare al primo ‘Color Festival’ della provincia. Molti giovani ma anche famiglie, con cagnolino incluso. Numerosi gli ascolani che si sono lasciati contagiare ed emozionare dalla manifestazione, dipinti dalla testa ai piedi (guarda il video). Tanti anche gli arrivi da fuori città: da Roma, Riccione, Milano Marittima, Teramo. 
Giallo, rosso, verde, rosa, azzurro: la magia dei colori lanciati nell’aria e dieci ore di musica no-stop (guarda le foto). Balli, canti e divertimento. Sette band sul palco: Canebianco, Motette, Solo Per Adulti, #ant, The Skunk, Rosafante, Fujiko Mon Amour. Quattro quelle ascolane. Inoltre tre dj hanno accompagnato l’allegro pomeriggio nella città delle Cento torri: Roberto Cilli, Lory Veet e Ben Dj, direttamente da Miami. Vocalist, Reny Love. Presentatori, Valerio Cappelli e Valentina Illuminati. 
«Alla nostra città non manca nulla – ha affermato Nicky Nardinocchi, organizzatore dell’evento assieme a Simone Amadio, Fabrizio Eroli e Andrea Piermarini della Mad Events –, bisogna migliorare e crescere, lanciando iniziative che possano farci conoscere. Se il ‘Color Festival’ diventasse un appuntamento fisso, potrebbe essere una manifestazione all’altezza della Quintana. E’ quello che ci auguriamo». Il successo della giornata era già stato annunciato dalla partecipazione dei fan su internet. «Sulla nostra pagina Facebook – ha continuato Nardinocchi – abbiamo registrato 66.661 visualizzazioni». 
La kermesse prende spunto dall’Holi Festival che si tiene in India in primavera, dedicato ai colori e all’amore. La vittoria del bene sul male, l’incontro con gli altri e voglia divertirsi: questi i tre significati. Lo scopo lo è quello di incoraggiare e promuovere direttamente l’uguaglianza e la tolleranza, avvicinando le persone tra loro. 

Federica Andolfi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fabriano - Rifiuti in centro, brutta cartolina Successivo Ceriscioli, priorità numero uno lavoro