Colpo di Stato fallito in Turchia, Erdogan esorta i cittadini via sms e smartphone: “Resistete”

tmp_25018-000537135-4ed48771-1dbb-471f-be57-3556312d5721-1853674835

“Scendete in piazza e resistete”: si è rivolto ai turchi via smartphone e via sms il presidente Recep Tayyp Erdogan, per invitare alla resistenza contro il colpo di Stato dei militari, poi fallito. Il capo di Stato è salito a bordo di un aereo e ha girato sulla Turchia durante gli scontri e i combattimenti, per poi atterrare a Istanbul quando il governo ha ripreso il controllo del paese, bloccando il tentativo di putsch di una parte dell’esercito.

Il Gulfstream 4 che portava Erdogan è atterrato poco dopo le 2.20 (ora italiana) all’aeroporto di Istanbul, sgomberato dalla presenza dei militari golpisti che l’avevano circondato per ore.

Secondo il presidente, dietro al tentativo di colpo di stato ci sarebbe il predicatore Fetullah Gulen, ideologo islamista radicale, prima suo alleato e poi acerrimo avversario; dal 1999 si
trova in esilio volontario negli Stati Uniti, dove si dice controlli il quartier generale di un impero economico del valore di 20 miliardi di dollari. “Non permetteremo che questa ribellione si allarghi” ha detto Erdogan, invitando la popolazione a dare prova di unità “per difendere la democrazia nelle piazze e negli aeroporti”.

Dal canto suo, però, Fetullah Gulen, attraverso un comunicato diffuso dal suo entourage sul Financial Times, ha respinto l’accusa di essere l’ispiratore del colpo di stato, condannando qualsiasi tentativo dei militari di intervenire nelle questioni politiche turche.

FETULLAH GULEN: L’INTERVISTA ESCLUSIVA A REPUBBLICA di MARCO ANSALDO

Il video via smartphone. Erdogan nella clip diffusa via smartphone ha minacciato i golpisti (“pagheranno un prezzo altissimo”) e si è detto convinto dell’insuccesso del colpo di stato. L’appello ha spinto migliaia di cittadini a non rispettare il coprifuoco instaurato dai militari e a scendere in piazza nelle principali città del Paese. A Istanbul (dove la folla ha cercato di fermare i militari), Smirne e Ankara migliaia di persone hanno protestato contro la fazione dell’esercito autrice del golpe.

Notizia riferita da Repubblica.it

Precedente La viabilità nelle Marche in tempo reale -A cura di CCISS- Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano