Colpo Grosseto al Conero, l’Ancona stecca davanti alle telecamere

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Ancona, 3 ottobre 2014 – Prima sconfitta interna per l’Ancona sotto i riflettori del Del Conero nell’anticipo del settimo turno. Dorici battuti 2-0 dal Grosseto sicuramente oltre i demeriti di una squadra che, comunque, davanti alle telecamere di RaiSport, denuncia i propri limiti soprattutto in difesa.

Buono il primo tempo dell’Ancona, i dorici soffrono solo nell’ultimo quarto d’ora, quando in più d’un’occasione si aggrappano alle parate di un grande Lori. Eppure è l’Ancona a mettere paura ai maremmani a inizio gara: al 4′, infatti, Sampietro da fuori area raccoglie una respinta della difesa del Grosseto calciando al volo, Mangiapelo si salva con l’aiuto della traversa.

Al 28′ bel numero di Paponi, pescato da Di Ceglie, con controllo di petto in corsa e pronto sinistro, che però viene chiuso in angolo da Morero. Quindi comincia a crescere il Grosseto, anche se le migliori azioni dei toscani nascono da episodi: al 34′ Torromino semina i biancorossi in contropiede e trova in area Formiconi, sul quale chiude Lori con un intervento decisivo.

Al 37′ Paponi serve Cognigni che controlla e conclude fiaccamente di sinistro, Mangiapelo si distende e blocca. Al 42′ altra palla gol per il Grosseto: Moreno dalla difesa pesca incredibilmente Pichlmann in area dorica, ma sulla conclusione di quest’ultimo è ancora Lori a metterci una pezza.

Così nella ripresa dopo 5′ il Grosseto trova la rete del vantaggio: Gambino serve una palla dalla destra, deviazione di Formiconi sulla quale si avventa Pichlmann il cui destro non perdona Lori. Cornacchini le prova tutte, inverte Parodi con Morbidelli, inserisce Moretti, schiera i biancorossi in 3-4-3, getta nella mischia prima Tavares e poi Pizzi.

L’Ancona cresce attorno alla mezz’ora, Di Ceglie va vicinissimo al pari su bell’assist di Moretti. Al 39′ Cognigni di testa spedisce la sfera un palmo alta sopra la traversa. E un minuto dopo un episodio molto discutibile: l’arbitro Massimi ferma Tavares da solo davanti a Mangiapelo per un fallo che vede davvero solo lui, neanche l’occhio lungo delle telecamere Rai. E’ l’ultima fiammata di un’Ancona tutto cuore e poche idee chiare. Così nel concitato assalto finale dei biancorossi Morbidelli perde palla e Torromino non perdona in contropiede infilando il 2-0.

 

Il tabellino

Ancona-Grosseto 0-2

Ancona (4-4-2): Lori; Maini (31′ st Tavares), Dierna, Paoli, Cangi; Morbidelli, Sampietro (40′ st Pizzi), Di Ceglie, Parodi (16′ st Moretti); Cognigni, Paponi. A disp. Aprea, Di Dio, Gelonese, Arcuri. All. Cornacchini.

Grosseto (3-4-1-2): Mangiapelo; Burzigotti, Moreno, Varricchio; Formiconi (46′ st Mariotti), Verna, Elez, Boron (49′ st Longo); Gambino (18′ st Finazzi); Torromino, Pichlmann. A disp. Berardi, Ilari, Massimo, Martinez. All. Silva.

Arbitro: Massimi di Termoli.

Reti: 5′ st Pichlmann, 48′ st Torromino.

Note – Ammoniti: Formiconi, Di Ceglie, Torromino; spettatori: 1.500 circa; recuperi: 0′ + 5′.



 

Precedente Nozze a rischio multa, per l'auto degli sposi c'è bisogno del pass sosta Successivo Sposi multati in Duomo Il Comune mette le regole