Colpo nel ristorante ‘Fast & Furious’. "Un disastro, siamo in ginocchio"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Civitanova Marche, 17 novembre 2014 - Si sono intrufolati nel ristorante da una finestrella. Una volta dentro hanno fatto razzìa di tutto quello che hanno trovato: dalla scorta di carne (per un valore di 2.500 euro) alla cassa, fino ai computer. È un’escalation senza sosta quella dei furti nelle attività commerciali civitanovesi. L’ultima a finire nel mirino è il ristorante Fast & Furious in piazzale Cecchetti. I nuovi gestori hanno aperto da un mese e mezzo e già hanno capito l’aria che tira in città. I banditi sono entrati in azione tra l.30 e le 2 del mattino di ieri, quando il locale era chiuso. 

«Sono entrati da una finestrella – racconta il titolare Alessandro Kurto –. Si apre a cinquanta gradi, ma sono comunque riusciti a passare da lì. Hanno portato via dalla cella frigorifera diversi chili di carne, per un valore di circa 2.500 euro. Noi usiamo carni molto pregiate, dalla fiorentina a quelle irlandesi e americane, e hanno fatto sparire tutto». Poi i ladri si sono diretti verso la cassa. «Non sono riusciti ad aprire il cassetto con i soldi – dice il titolare del locale –, quindi se lo sono portato via. Dentro ci saranno stati 300 euro. Poi hanno preso il tablet che uso per le comande e un computer». 

I titolari si sono accorti del furto ieri mattina. «Siamo andati a riaprire per il pranzo – prosegue il titolare – e abbiamo trovato questo disastro. Abbiamo le telecamere a circuito chiuso ma non si vede niente. Domani (oggi, ndr) verrà l’elettricista per installare l’allarme. Così – si sfoga il ristoratore – non si va avanti, siamo stufi di questa situazione: per uno che ha un’attività, un furto del genere ti mette in ginocchio. Servono più pattuglie e maggiori controlli». Il furto è stato denunciato ai carabinieri.

 



 

Precedente Il direttore del Sole 24 Ore Napoletano sarà l'ospite della Pagella d'Oro Successivo NCD FABRIANO - Interpellanza su eventuali cartelli abusivi o irregolari affissi in città