Colpo notturno in tabaccheria: sigarette e contanti nel bottino

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Civitanova Marche, 8 novembre 2014 – Improvvisa sveglia (brusca quanto amara) nel cuore della notte (alle 3) per un furto in atto nella propria edicola-tabaccheria al civico 90 di viale Vittorio Veneto, ieri per il giovane gestore Ivo Gentili. Il sistema d’allarme, collegato con il telefonino, è scattato prontamente, ma nel tempo di percorrenza da casa al negozio (situato cento metri a nord della biblioteca comunale Zavatti) i ladri erano riusciti ad arraffare, in fretta e furia, 350 euro in monete e un bel po’ di sigarette, per un valore complessivo totale stimato dal titolare circa 1.600 euro.

I ladri hanno forzato la porta d’ingresso di viale Vittorio Veneto con il classico piede di porco. Una volta all’interno, i banditi hanno trovato nel cassetto i 350 euro. «Normalmente non lascio nulla in cassa – ha detto Gentili – però l’altro giorno abbiamo avuto una vincita in una macchinetta che abbiamo all’interno della tabaccheria, per cui abbiamo preso i soldi da quella per pagare il fortunato giocatore, ma abbiamo utilizzato la nostra moneta cartacea, dato che le monete ci fanno sempre comodo per dare il resto, in un’attività come la nostra. Questa mazzata non ci voleva proprio, sia dal punto di vita morale, psicologico nonché economico. Stiamo qui dentro dalla mattina presto alla sera, per poter tirar fuori con tanta fatica la giornata, poi si viene depredati in maniera tanto sfrontata quanto plateale».

Un tentativo di furto c’era stato già nella notte precedente: in quella circostanza i ladri avevano tentato di entrare dalla porta posteriore utilizzando tondini di una porta blindata, probabilmente ottenuti da un precedente furto. Comunque, all’alba di venerdì il colpo è andato a segno. La tabaccheria Gentili si è trasferita nella sede attuale da appena un mese. In precedenza si trovava poco più avanti, nella traversa di via Isonzo. E al di là dei malviventi in azione, i titolari segnalano anche un problema al Comune. «Vorremmo sottoporre al Comune la necessità di una migliore manutenzione dei tombini – dicono –, visto che qui di fronte quando piove l’acqua sale sul marciapiede e rischia sempre di entrare nel negozio. Con la pioggia battente dell’altra sera il fenomeno si è ripetuto».

 



 

Precedente L’Inps blocca i soldi della mobilità «Ma io devo mantenerci i figli» Successivo Crolla il tetto dell’ex palazzo comunale: quello che vince sono solo incuria e degrado