Coltello in mano e volto scoperto: banditi assaltano la tabaccheria

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 28 marzo 2015 – Hanno fatto irruzione a volto scoperto e armati di coltello, hanno minacciato il titolare di morte, si sono fatti consegnare l’incasso e sono fuggiti a piedi. La rapina è stata messa a segno ieri pomeriggio nella tabaccheria Scatasta di viale Ciccolungo ed ha fruttato diverse centinaia di euro in contanti e una decina di stecche di sigarette.

Erano da poco passate le 17 quando i banditi – approfittando di un momento in cui non c’erano clienti all’interno dell’esercizio commerciale – sono entrati in azione: armati di coltello, hanno impiegato pochi secondi ad avere la meglio sul titolare della tabaccheria, dal quale si sono fatti consegnare tutto l’incasso delle giornata (tra cui le giocate del lotto). Dopo essersi impossessati del denaro, i due sono passati dall’altra parte del bancone, hanno preso le stecche di sigarette esposte dietro la vetrina e sono fuggiti. Un’azione fulminea, che non ha lasciato spazio ad imprevisti.

Il tabaccaio ha subito allertato il 113 e sul posto sono immediatamente intervenuti gli uomini della squadra volante della polizia di Fermo. Sulla base degli elementi raccolti e della descrizione dei rapinatori effettuata dal titolare dell’esercizio commerciale, è scattata immediatamente la caccia all’uomo fino a tarda notte. Dei banditi, però, nessuna traccia. Gli investigatori indagano a 360 gradi, ipotizzano che non si tratti di gente del posto, visto che i due hanno agito a volto scoperto e incuranti di essere riconosciuti.

Purtroppo non è la prima volta che la tabaccheria Scatasta è vittima di rapine. L’ultimo colpo l’aveva subito il 14 settembre del 2012: in quel caso ad agire era stato un rapinatore solitario armato di pistola. In precedenza era stata presa di mira più volte da quella che era stata definita la banda delle tabaccherie.

Fabio Castori



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Tentano di smurare la cassaforte del Conad, ma il colpo va a monte Successivo Torna "Lasciamo l'auto a casa" Domani blocco del traffico sul lungomare