Con Expo il turismo punta al mercato globale

bit

Nel 2014 il turismo marchigiano ha registrato valori positivi, sia per quanto riguarda il totale degli arrivi sia per le presenze, con un +0,34% per i primi e un +0,72% per le seconde, un dato in controtendenza con lo scenario nazionale. Gli arrivi stranieri in particolare sono cresciuti con un +1,90% di turisti (+2,70% di presenze) provenienti soprattutto da Germania, Olanda, Russia (+8,19%). Sono alcuni dei dati Istat presentati dalla Regione Marche nel corso della prima giornata di Bit, la Borsa internazionale del turismo, dal 12 al 14 febbraio alla Fiera di Milano Rho.
In vista di Expo le Marche puntano a consolidare questi numeri facendo conoscere la regione in tutto il mondo. Sono 15 i casi di eccellenza del sistema produttivo marchigiano scelti da Padiglione Italia per diventare testimonial delle Marche nel modo. Da qui fino alla conclusione di Expo, il 31 ottobre, racconteranno le eccellenze regionali all’estero. La Marche saranno presenti nei sei mesi espositivi all’interno dello spazio delle regioni italiane, dal 29 maggio all’11 giugno, con un’esposizione dedicata alla nutrigenomica (alimentazione, qualità della vita e longevità), curata tra gli altri dal sociologo Aldo Bonomi. Il rapporto tra alimentazione e longevità sarà il tema con cui le Marche parteciperanno a uno dei due forum internazionali in programma a Expo l’11 giugno. La regione coordinerà anche a settembre il forum dedicato alla macro regione Adriatico-Ionica e alle sue prospettive.
«Abbiamo organizzato la nostra presenza a Expo dentro il sito espositivo, a Milano nel quartiere di Brera e sul nostro territorio con delle porte per accogliere le delegazioni dei Paesi dove troveranno tutte le informazioni – ha spiegato il presidente di Regione Marche, Gian Mario Spacca – Puntiamo sul mercato globale anche attraverso con una forte presenza sul web sul sito www.turimo.marche.it».

FONTE IL CORRIERE ADRIATICO

Precedente Il presidente dell’Amatori Rugby: "Non ho parole, siamo vicini alla famiglia" Successivo Vis Pesaro, non basta il nuovo allenatore