Fabriano – Condanna milionaria, il Comune non ha più i soldi per le telecamere

telecamere sicurezza

FABRIANO La sentenza Penzi blocca anche il potenziamento del sistema di videosorveglianza del centro storico di Fabriano. «Avevamo 20mila euro per sette nuove telecamere. Ma, ora, per colpa del risarcimento milionario ottenuto dall’azienda in Corte d’Appello, non li abbiamo più», annuncia l’assessore cittadino alla Sicurezza, Mario Paglialunga. Rimarranno, dunque, 13 le telecamere attive in centro città, «a meno che non cerchiamo di utilizzare la fantasia». Vale a dire, sfruttare il regolamento comunale approvato meno di due anni fa e che mette a disposizione dei privati l’affitto dei pali della pubblica illuminazione, i depositi dell’acqua, i campanili ed i tetti degli immobili comunali, scuole comprese, per il potenziamento dei sistemi di comunicazione e/o le energie rinnovabili. «Invece di chiedere soldi per l’affitto, potremmo avanzare una richiesta di servizi», dichiara Paglialunga. «In primis, proprio il potenziamento del sistema di video sorveglianza in centro storico». Un’ idea che potrebbe far breccia «ed aiutarci nel capitolo della sicurezza e, quindi, limitare l’azione dei vandali e portare alla loro identificazione». L’ultimo raid vandalico in centro storico è avvenuto nella notte fra domenica e lunedì. Auto sporcate ed albero di Natale divelto. Pietre lanciate contro il marciapiede con il rischio concreto di colpire le vetrine dei negozi lungo corso della Repubblica. «Una situazione di degrado ed insicurezza che chiediamo venga arginato al più presto», le richieste avanzate dai residenti. «Senza la sentenza Penzi avevamo già individuato i punti dove posizionare sette nuove telecamere: via Cialdini, piazza Garibaldi e piazzale Matteotti. Ma, purtroppo, i fondi, 20mila euro, non li abbiamo più. Speriamo di poter andare avanti con i privati», conferma l’assessore fabrianese alla Sicurezza. Paglialunga ha annunciato, infine, che l’ultima performance dei vandali in centro storico potrebbe essere stata immortalata da una delle 13 telecamere attualmente in servizio. Notizia riferita dal Messaggero -Claudio Curti-

Precedente Va a salutare il figlio e lo trova morto Successivo Bilancio Regione 2016 tecnico, con anima