Consegnate le borse di studio agli studenti dell’Itis e dell’Ipsia di Fabriano

ipsia

Fabriano – Partecipatissima, la consegna delle borse di studio agli studenti dell’Itis e dell’Ipsia di Fabriano, da parte della Fondazione Merloni, da sempre al contatto con il mondo della scuola e alla promozione del merito. Anche per il 2015 sono stati 25 i ragazzi e le ragazze premiati per il loro impegno scolastico da una giuria che includeva rappresentanti della Fondazione e dell’Istituto. Come di consueto, la premiazione è stata anche occasione di approfondimento e informazione, grazie all’intervento del professor Renato De Leone, direttore vicario della Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Università degli studi di Camerino, che ha svolto una lezione sul tema “L’importanza della modellazione matematica”.
Tornando al finanziamento al merito, distribuito agli allievi da parte della Fondazione Aristide Merloni, da sempre impegnata nella crescita del territorio, questo è avvenuto nell’aula Magna dell’Istituto Tecnico Industriale, gremita di scolari e genitori ai quali hanno portato il loro saluto il dirigente della scuola Giancarlo Marcelli, il vescovo delle diocesi di Fabriano e Matelica Giancarlo Vecerrica, il sindaco del Comune di Fabriano Giancarlo Sagramola e il coordinatore della Fondazione Donato Iacobucci.
Negli interventi tra cui quello del presidente Francesco Merloni, letto da Iacobucci per una indisposizione dell’onorevole, sono stati ricordati anche i corsi di formazione di eccellenza, intitolato We don’t stop, nell’ambito del progetto internazionale “Officine UNESCO della Cultura e dell’Impresa” di cui la Fondazione Aristide Merloni è stata capofila e che ha portato la città al prestigioso riconoscimento di Città Creativa Unesco. Il sindaco Sagramola, al riguardo ha parlato proprio della sua esperienza in Giappone, dove si sono incontrate le delegazioni di oltre 60 città, tra le più importanti del mondo (tra cui c’è Fabriano) che rientrano in questa rosa di città creative per la cultura e l’impresa e proprio per questo ha elogiato gli studenti che ottengono risultati importanti “con passione, impegno e capacità che poi porranno al servizio della città e del territorio”.
Iacobucci, partendo dalla considerazioni del primo cittadino di Fabriano e dopo aver ricordato “la capacità della Fondazione di essere così vicina al territorio e alle nuove esigenze di innovazione e competitività” ha evidenziato l’importanza che il gruppo Aristhon-Thermo riserva a questa manifestazione “perché si realizza in una Scuola che forma elementi di qualità e da valore a tale pratica in quanto ottimizza bene la teoria con la pratica, inoltre, riesce, premiando il merito, a gestire e attirare talenti che sono la chiave di lettura del futuro che si gioca su istruzione e formazione”.
E il futuro, è stato il termine che ha fatto da refrain all’intera cerimonia “da affrontare con entusiasmo e consapevolezza” muovendo dell’importanza della formazione e “dalla necessità – ha detto il presule – di vivere con passione ogni scelta importante per la vita” citando infine una delle frasi contenute nel messaggio del Papa, inviate in occasione del Pellegrinaggio a piedi Macerata-Loreto. “Il pellegrinaggio è un simbolo della vita, ci fa pensare che la vita è camminare, è un cammino. Se una persona non cammina e rimane ferma, non serve, non fa nulla. Pensate all’acqua, quando l’acqua non è nel fiume, non va avanti, ma è ferma, si corrompe. Un’anima che non cammina nella vita facendo il bene, facendo tante cose che si debbono fare per la società, per l’aiuto agli altri e anche che non cammina per la vita cercando Dio e che lo Spirito Santo ti muove da dentro, è un’anima che finisce nella mediocrità e nella miseria spirituale. Per favore: non fermatevi nella vita!”. Applausi e partecipazione, come detto, culminate con la consegna delle Borse di Studio a Anna Argalia, 5° (voto 8,20 – Moda), Manuel Girolamini 4° (8,20 Meccanica), Luca Marasca 4° (8,20 – Informatica), Samuele Orici 2° A (8,25), Jakub Kaczmarek 3°A (8,25 Informatica), Ament Pellivani 3° (8,20), Andrea Tarsi 2°B (8,33), Hakima El Aslouig 3° (8,38 Moda), Martina Mancinelli 5° (8,40 Moda), Michele Fontana 2° B (8,42), Gabriele Brega 2°A (8,42), Kevin Poclitar 3°A (8,50 Meccanica), Giovanni Carlucci 4° (8,50), Giulia Cenci 2° (8,53 Moda), Riccardo Mogiani 3° A (8,58 Meccanica), Claudia Petrelli 4° (8,67 Moda), Sara Porfiri 5°A (8,78 Carta), Andrea Bartocci 2°C (8,83), Marco Maramonti 1°A (9), Simone Sparapani 1°C (9), Christian Marinelli 4°A (9,10 Informatica), Gianmarco Cacciamani 4° (9,10 Meccanica), Davide Cesari 3°B (9,17 Informatica), Fiore Esposito 5°A (9,22 Chimica), Valerio Donnini 2°A (9,92). Per quanto concerne la qualifica di Istituto Tecnico Superiore, capofila per l’efficienza Energetica, le Borse di Studio sono andate a Bibi Sayed Mahhrab 1° anno Itis e Vito Pulito 2° anno Itis.

DANIELE GATTUCCI

Precedente Magliano di Tenna, carabinieri in azione Scoperto un tomaificio abusivo Successivo Choc, stroncato a 17 anni da una terribile malattia