Coppa Davis a Pesaro, guarda le foto dei sorteggi al Teatro Rossini

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 3 marzo 2016 – Il singolare della prima giornata della Coppa Davis, domani alle 14, all’Adriatic Arena è Lorenzi-Chiudinelli. E’ questo il verdetto del sorteggio di questa mattina al Teatro Rossini introdotto da un emozionante intervento musicale dal maestro Marco Mencoboni che ha diretto il coro Turturino che hanno eseguito le arie di Simone Molinaro e Girolamo Casati. L’altro singolo, a seguire, Seppi-Laaksonen.

Sabato il doppio vedrà scendere in campo per l’Italia Bolelli-Cecchinato e per i colori della Svizzera il duo Chiudinelli- Laaksonen.

Domenica per l’ultima giornata di gare i due singoli invertiti: Lorenzi-Laaksonen e Seppi-Chiudinelli.

La cerimonia dei sorteggi aperta per la prima volta anche al pubblico ha visto la partecipazione anche di alcuni rappresentati della Vuelle e del Volley Pesaro, oltre che di giornalisti di tutte le testate, anche straniere, e tanti curiosi.

Il sindaco Matteo Ricci con fascia tricolore ha pescato nell’ampolla di vetro la prima pallina, rigorosamente da tennis. In platea il vice sindaco Vimini e gli assessori Della Dora e Belloni. Oltre che l’organizzatrice Paola Nonni con il presidente dell’Aspes Luca Pieri.

Nel tavolo allestito sul palco del teatro anche l’ambasciatore italiano del tennis nel mondo Nicola Pietrangeli. Ma la più fotografata e corteggiata dai fans di ogni età è stata Lea Pericoli, in forma smagliante.

Conferenza stampa invece a porte chiuse con prima il team svizzero a rispondere alle domande e poi la squadra italiana. «Se mi aspettavo Lorenzi nel singolo? Non è una sorpresa». Così il capitano della formazione ospite Luthi. E sullo stato fisico di Chiudinelli, lo stesso giocatore conferma: «Vengo da un buon momento, ma su campo veloce, no su terra rossa».

Poi tocca a Paolo Lorenzi presentare il match di domani: «Noi favoriti? Quando si entra in campo si parte da 0-0, la partita è lunga, bisogna solo pensare a cosa fare non al ranking dell’avversario».

Tutti però si aspettano di vedere il doppio con Seppi e Bolelli, lo stesso duo che ha vinto recentemente il torneo di Dubai. Su questo però capitan Barazzutti che dal secondo giorno può cambiare le carte, ha la bocca cucita.

Mentre sul campo allestito all’Adriatic Arena, Seppi afferma: «E’ una superficie che mi piace, anche se non gioco da 8 mesi su questo tipo di terreno e quindi non sono molto abituato. L’importante è entrarci con il piede giusto. Ora è meno morbido dei primi giorni».

Alla cena di gala di giovedì sera all’Hotel Flaminio tante persone, tra addetti ai lavori, organizzatori, sponsor, tra cui Valter Scavolini e i rappresentanti della Lorisystem, e tante autorità. C’erano naturalmente anche i protagonisti, ma per loro la serata si è conclusa presto.

Ad andare prima a letto i quattro moschettieri azzurri che hanno salutato gli invitati alle 22.05, mentre la squadra svizzera si è accomiatata alle 22.25. Tutti gli atleti insieme ai rispettivi capitani non hanno dunque mangiato la torta con il simbolo della Davis arrivata tra gli applausi alle 22.30.

Prima di servire le portate accompagnate dalla musica dal vivo di un pianoforte, è stato proiettato il video di una manciata di minuti, confezionato dalla Pindaro Eventi e commissionato dal Comune, sulla candidatura europea di Pesaro città dello sport per il 2017. Nel promo si vedono le squadre e gli sportivi più rappresentativi della nostra città improvvisarsi musicisti d’orchestra e diretti dal primo cittadino Ricci.

Sabato ultima serata di gala questa volta tutti invitati da Marco Barchiesi, titolare dell’azienda Lara Group. Squadre, autorità e giornalisti saranno ospiti dello splendido atelier nel palazzo storico di via Passeri. Si parla di 40 portate solo di antipasti e ostriche e champagne. Insomma una chiusura con il botto.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fermo, il Comune riduce i valori delle aree progetto fabbricabili Successivo Tennis, Davis, domani Italia-Svizzera