Coppa Italia, doppio brindisi per la Maceratese

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Recanati, 31 agosto 2014 – Daniele Ferri Marini, annotatevi questo nome. Non solo il giovane attaccante 23enne, originario di Sansepolcro, ha realizzato la doppietta che ha deciso questo derby di Coppa Italia, ma è stato l’assoluto protagonista di un match a tratti piacevole e che è “svoltato” nella ripresa quando la Maceratese è entrata in campo con un piglio decisamente diverso rispetto ad una prima frazione timida, remissiva.

Alla squadra di Magi una prima punta manca come il pane, intendiamoci, tuttavia si sono intraviste grandi potenzialità anche in Kouko per quanto riguarda la prima linea e Croce, apprezzato metronomo di metà campo. L’intelaiatura insomma c’è: con qualche ritocco si può essere davvero ambiziosi.

La Recanatese non è dispiaciuta e forse è stata punita, almeno nelle proporzioni, oltre i propri demeriti. Nei primi 45’ ha avuto le migliori chances poi ha pagato a caro prezzo, la verve degli avversari. Due buone compagini in definitiva anche se i test davvero rilevanti arriveranno a brevissimo termine.

Dicevamo di un avvio di marca giallorossa: diverse le occasioni anche di una certa pericolosità. Gigli, dopo un’azione da fallo laterale, si libera di un uomo ma sparacchia a lato. Un erroraccio di Cordova mette in movimento Rapaccini che prova il pallonetto sul quale Fatone è reattivo ed ancora una sventola di Galli da 30 metri costringe il 18enne portiere a smanacciare in angolo e risolvere poi una mischia nei pressi della propria linea di porta. La Maceratese è tutta in un diagonale di De Grazia al 4’ bravo a rubare palla a Traini ma non efficace nella traiettoria.

Ripresa di tutt’altro tenore: la Maceratese, forse catechizzata da Magi, spinge subito forte. Croce all’8 su punizione colpisce l’incrocio dei pali con Verdicchio immobile poi De Grazia da pochi metri spedisce a lato dopo una bella azione sulla destra. Galli, come sempre, encomiabile nell’impegno e nel volume di gioco manda sopra la traversa un invitante assist dalla tre quarti. Al 18’ospiti in vantaggio: Ferri Marini prima si vede ribattere la sua conclusione dal portiere poi ribadisce in gol sempre da distanza ravvicinatissima con qualche dubbio per un off side. Patrizi, non in gran giornata, sciupa di testa una buona occasione dopo un angolo di Di Iulio poi perde un pallone da De Grazia che non finalizza.

Gli ultimi minuti sono tutti di Ferri Marini che prima sfiora il raddoppio facendosi apprezzare per come difende con il corpo il pallone poi lo trova a tempo scaduto con un eurogol dal vertice destro dell’area di rigore che scatena il legittimo entusiasmo dei fans della Rata.

E’ prestissimo per dare giudizi ma la Maceratese potrebbe avere le carte in regola per un ruolo da protagonista. Recanatese rimandata ma ora gli impegni di Celano e Giulianova incombono.

Andrea Verdolini

Recanatese 0 – Maceratese 2

RECANATESE (4-4-2): Verdicchio; Patrizi (35’ st Brugiapaglia), Narducci, Comotto, Candidi; Rapaccini (22’ st M.Agostinelli), Traini, Di Iulio, Gigli; Galli, Marolda (29’st Rovrena). All.Amaolo.

MACERATESE (4-4-2): Fatone; Cordova, Marini, Garaffoni, D’Alessio; De Grazia, Romano, Croce, Belkaid (42’st Perfetti); Kouko, Ferri Marini. All.Magi.

Arbitro: De Remigis di Teramo.

Reti: 18’ st e 48’st Ferri Marini.

Note: angoli 6-4; ammoniti Fatone, Candidi, Marini, Comotto, Narducci, Ferri Marini; spettatori circa 500 (200 da Macerata).



Precedente Vescovo Ascoli, morte piloti ha scosso tutti Successivo Elio Germano, saluto con pugno alzato