Corto circuito nella notte distrutto un furgone Enel. Danni per 120 mila euro

Vigili-del-fuoco

Il Borghigiano Fabriano il Blog – Una squadra di tecnici poco dopo la mezzanotte era impegnata in una verifica lungo la linea, collegandosi a una cabina elettrica in muratura a ridosso del recinto della Paradisi Srl, in via Di Vittorio 15 a Jesi. I tecnici avevano appena trovato la causa di una dispersione quando nel furgone, un laboratorio mobile attrezzato per produrre corrente ad alto voltaggio, si è innescato un incendio, provocato da un corto circuito. Le fiamme erano già alte quando alla Zipa sono accorsi i vigili del fuoco, che hanno dovuto impiegare anche un’autobotte e proteggersi con i respiratori per il fumo denso. Nessuno è rimasto intossicato. Distrutto dalle fiamme il furgone Mercedes dell’Enel, un sofisticato laboratorio mobile attrezzato con generatori, trasformatori, diodi e bobine di condensatori, tutti strumenti che servono per cercare perdite e guasti lungo la linea elettrica. Per attrezzarne uno nuovo serviranno 120 mila euro, mentre quello distrutto, ormai usato da alcuni anni, valeva sui 50 mila euro. I vigili del fuoco del distaccamento di Jesi hanno lavorato in via Di Vittorio fino alle 3 e 30. Non ci sono stati danni all’azienda Paradisi Srl.

Fonte il Corriere Adriatico

Precedente Acqualagna, fanno saltare il bancomat e fuggono con 40mila euro Successivo Sant’Elpidio, brutta disavventura per l’assessore Perini: le cade addosso il suo cavallo, costola rotta