Crolla il tetto dell’ex palazzo comunale: quello che vince sono solo incuria e degrado

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Pesaro, 8 novembre 2014 – Crollano tanti pezzi del borgo di Fiorenzuola di Focara. Ieri è avvenuto il crollo del tetto del palazzo dove un tempo c’era il Comune, chiuso da anni per inagibilità: sei anni fa é crollata la parte sinistra del tetto, poi ricoperto con le onduline di latta. Ora la parte opposta della copertura é venuta giù di notte riempiendo il pavimento di macerie. Altre onduline, forse, sono il correttivo che il Comune di Pesaro dovrà portare. Il palazzo ospitava anche l’ambulatorio del medico di paese. Via Forno vecchio e Marzetti creano l’angolo per l’ingresso nella piazza che porta alla vecchia chiesa di San Andrea e il campanile, rimasto appeso sulla falesia.

E intanto gli anni passano nell’incuria generale che persiste; i palazzi senza manutenzione possono solo crollare. Quello dell’ex Comune ora é un deposito di panchine e attrezzi. E’ una bellezza tradita, ha il giardino pensile, le mura di cinta sotto, il belvedere verso le valli interne. Lungo la via d’ingresso, attraversando la Volta, c’era negli anni ‘90 l’acquario che suscitava grande interesse e stimolava nella maniera giusta le conoscenze del mare. Massimo D’Angeli é il presidente del Sesto Quartiere san Bartolo, ha a disposizione altri spazi di qualità intorno come il museo paleontologico, la sala rossa del quartiere: «Occorre tutelare in qualche maniera queste costruzioni», dice D’Angeli. Ma per ora è solo il degrado che avanza.

 



 

Precedente Colpo notturno in tabaccheria: sigarette e contanti nel bottino Successivo La Fondazione non taglia i fondi