Da Chiaruccia alla Chirurgia h24: ecco la lista di Seri

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano, 14 gennaio 2016 – Sanità: dal documento sottoscritto da tutta la maggioranza all’ordine del giorno firmato solo dal sindaco Massimo Seri. Il primo cittadino cambia strategia e sceglie questa seconda soluzione per tentare di raccogliere il consenso dell’opposizione. Ma cosa chiede Seri alla Regione nell’ordine del giorno che sarà discusso nel Consiglio comunale del 18 gennaio alla presenza del presidente Luca Ceriscioli? «Revisione dell’atto aziendale per proseguire velocemente nel processo di integrazione tra gli ospedali di Fano e Pesaro su basi di pari dignità, garantendo servizi fondamentali come la chirurgia d’emergenza h24 e investendo sulla vocazione medica e materno infantile del nosocomio fanese; riduzione dei tempi delle liste d’attesa; aumento del personale esistente; investimenti per il presidio ospedaliero di Fano; confronto con la dirigenza dell’Area Vasta n. 1 per potenziare la «rete territoriale e l’integrazione socio-sanitaria>..

Nell’ultimo punto l’accenno all’ospedale unico da collocare in «luogo idoneo, baricentrico e facilmente accessibile, caratteristiche individuabili nel sito di Chiaruccia». Hanno già comunicato di non condividere il documento sia Fano 5Stelle sia Fano Città Ideale. «Siamo contrari – ribadisce la consigliera Dana Pierpaoli (Fano Città Ideale) – alla costruzione di un ospedale unico che sia a Chiaruccia o a Fosso Sejore. Perché la maggioranza non riesce a chiedere una riforma totale del sistema sanitario provinciale e l’uscita da Marche Nord in modo da garantire maggior efficienza nei servizi?». Così com’è stato formulato, l’ordine del giorno non avrà neppure il voto dei grillini. «Proveremo a proporre un emendamento – spiega la consigliera Marta Ruggeri – con cui eliminare il punto sull’ospedale unico. Potremmo votare l’odg solo se rimanesse la parte a difesa del Santa Croce anche se non si parla della cancellazione di Marche Nord».

Disponibile a sottoscrivere l’ordine del giorno del sindaco Seri il consigliere comunale de La Tua Fano, Stefano Aguzzi: «Potrei votarlo perché si tratta di richieste da me avanzate negli anni passati (presidio chirurgico per le emergenze e area materno -infantile) e sui cui finora la maggioranza non ha fatto alcuna battaglia. Tra l’altro si cita Chiaruccia, sito proposto nella mia mozione del 10 novembre 2015 e mai discussa. Naturalmente se io voto l’ordine del giorno di Seri mi aspetto che la maggioranza voti la mia mozione».

Voto assicurato, invece, da parte di Progetto Fano: «Noi abbiamo condiviso il documento – fa sapere il capogruppo, Aramis Garbatini – in fase di preparazione chiedendo specificatamente l’inserimento della chirurgia h24 e il riferimento all’area materno-infantile». Disposto a votarlo anche il consigliere Udc, Davide Delvecchio, mentre il collega di Forza Italia, Stefano Mirisola, che entrerà in Consiglio comunale proprio il 18 gennaio afferma: «Il contenuto del documento è condivisibile purché corrisponda al vero e non sia la solita presa in giro per fare vedere che il sindaco Seri non è succube del Pd».

 

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Esce di casa col pitone in tasca e lo trova rintanato nell’auto Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano