Da super Mario a Cavendish: il ritorno della corsa dei due mari

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Porto Sant’Elpidio, 15 marzo 2015 – Per il terzo anno consecutivo la penultima tappa della Tirreno-Adriatico arriverà a Porto Sant’Elpidio, domani. La partenza da Rieti alle 11, 210 chilometri. Al km 68,5 i corridori entreranno in provincia di Ascoli e ci rimarranno fino al km 112,8, quando ci sarà l’attraversamento di Comunanza. A Roccafluvione è previsto anche un rifornimento. Al km 122,4 la penultima frazione della 50ª Tirreno-Adriatico entrerà nella provincia di Fermo con il passaggio a Ponte Maglio. Quindi i corridori dovranno attraversare Montelparo (dove è posto il gran premio della montagna) e Monteleone, dove ci sarà al km 135 un traguardo volante. Poi ci saranno i passaggi di Servigliano, Piane di Falerone, Bivio Grottazzolina, Campiglione e l’arrivo a Porto Sant’Elpidio al km 181 per il primo dei tre passaggi, verso le 15.25, che sarà anche valido come traguardo volante.

A quel punto i partecipanti inizieranno il primo di due giri di circa 14 km con l’attraversamento di Lido Tre Archi, zona industriale e ritorno a Porto Sant’Elpidio. L’arrivo è previsto tra le 16 e le 16.25 sul lungomare, che nei due anni passati ha incorato due grandi corridori stranieri, Peter Sagan e Mark Cavendish.

LA STORIA. Il ciclismo è stato sempre un punto di riferimento per Porto Sant’Elpidio fin dagli inizi del secolo scorso. Il primo passaggio del Giro d’Italia nella cittadina portoelpidiense è datato 16 maggio 1909, quando transitò la tappa Bologna-Chieti di 378 km vinta da Cuniolo. Nel 1913 la corsa rosa tornò a fare capolino a Porto Sant’Elpidio nella frazione del 20 maggio, la Ascoli-Rovigo di 413 km, la frazione più lunga di ogni epoca: 413 km che i corridori portarono a termine in 15 ore e 45’ alla media oraria di 26,171. Quella tappa da supereroi fu vinta da Bordin con Oriani in maglia rosa. Nei tempi moderni, Porto Sant’Elpidio riscoprì il grande amore verso il ciclismo l’11 marzo 1990, quando andò in scena la frazione della Tirreno-Adriatico, la Cerro al Volturno-Porto Sant’Elpidio che vide il successo di Mario Cipollini. Per la cronaca quel giorno si impose il belga Varnderarden. La Tirreno-Adriatico tornò ancora nella cittadina della calzatura il 14 marzo del 1993 con la tappa Grottammare-Porto Sant’Elpidio, che vide il successo di Leoni. La prima volta del Giro d’Italia con arrivo a Porto Sant’Elpidio fu il 28 maggio 1992 con la vittoria di Mario Cipollini e la maglia rosa sulle spalle del «Navarro» Miguel Indurain. Il connubio con il Giro d’Italia proseguì ancora il 19 maggio del 2004 con la partenza della frazione con arrivo ad Ascoli. Vinse Petacchi e in maglia rosa c’era un giovane Damiano Cunego. A distanza di vent’anni la corsa rosa tornò a Porto Sant’Elpidio come sede di arrivo l’11 maggio 2012 in una frazione dura con le «Coste del Fermano» a fare la selezione. Per distacco vinse il colombiano Rubiano Chavez con Adriano Malori che per la prima volta vestì la maglia rosa. Porto Sant’Elpidio ha ospitato l’arrivo della penultima frazione della Tirreno-Adriatico del 2013, contraddistinta dai tanti muri sul tracciato. Fu il giorno di Peter Sagan, il quale andò in fuga con Nibali e Rodriguez. Nibali conquistò la maglia azzurra e si impose nella ‘corsa dei due mari’.

LA VIABILITÀ. Occhio ai divieti e alle modifiche alla viabilità. Nello specifico saranno tre le fasce orarie in cui saranno in vigore il divieto di sosta con rimozione coatta e divieto di circolazione. Dalle 18 di oggi fino alle 20 di domani i divieti di sosta e circolazione interesseranno via Trieste, via Miramare e tutta l’area dell’ex campo sportivo Orfeo Serafini. Dalle 6 alle 20 di domani i divieti saranno in vigore nelle aree a sud dell’ex Serafini fino all’area ex Fim, nel lato ovest a nord della stessa ex Fim (area camperisti), in via Trieste (nel tratto tra via Gramsci e lungomare Europa), in via Canada, via Gramsci, via Mameli, via Faleria (tra via Mameli e via Curtatone) e nel parcheggio circostante Villa Murri. Dalle 12 alle 18 di domani, infine, i divieti di sosta con rimozione coatta e di circolazione saranno attivi in via Mazzini sud (dall’intersezione rotatoria con la bretella autostradale fino al fiume Tenna), nel raccordo autostradale, in viale dei Consorzi, via San Crispino, via dell’Informatica, strada San Filippo, via Pagliacci, via della Pace (tratto tra via Pagliacci e via Montagnola), via Fosso del Palo, tutta via Umberto I, via Cavour (tra via Umberto I e via Canada), via Faleria (tra via Curtatone e via Milano), via Milano sud (tra via Faleria e ponte sul Tenna). Sarà inoltre in vigore tra le 13.30 e le 17.30 lungo il percorso il divieto generale di sosta e circolazione. Queste le vie interessate: Sp 28 Faleriense, rotatoria zona industriale sud, viale dei Consorzi, via San Crispino, via dell’Informatica, strada San Filippo, via Pagliacci, via della Pace, via Fosso del Palo, via Umberto I, via Cavour, via Canada, via Trieste, via Mameli, via Faleria, via Milano sud, Lido Tre Archi, Lido Tre Archi – Statale 16, via Mazzini, rotatoria, variante Sp 28 Faleriense, raccordo A-14.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Presentato a Pesaro il libro del ‘leone di Bottega’ Successivo Meteo, torna il maltempo nel Pesarese: pioggia e neve fino a lunedì