Dai cani avvelenati alla sporcizia, paura e proteste a Collevario

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Macerata, 22 settembre 2014 – Tra sporcizia e paure di avvelenamenti, cresce la protesta tra i residenti di Collevario e San Francesco. Il primo allarme riguarda il timore che ci sia, nella zona, qualcuno che butta polpette avvelenate per i cani. In passato, diversi animali rimasero uccisi con il veleno per topi, e anche se gli ultimi casi segnalati risalgono all’anno scorso, i proprietari di cani del quartiere sono sempre molto in allerta sulla questione. E ora il problema si sarebbe ripresentato. Conferme ufficiali non ce ne sono, «ma l’altra mattina, portando a spasso il mio cane, ho incontrato un residente molto preoccupato — racconta una ragazza —. Mi ha detto che la settimana prima un cane, che il padrone aveva fatto passeggiare nel boschetto vicino al campo di calcio di via Verga, appena tornato a casa ha iniziato a perdere sangue dalla bocca e dal sedere, ed è morto tra sofferenze atroci. Altri due sarebbero stati salvati dai veterinari, che averebbero diagnosticato in tempo l’avvelenamento. Sempre lui mi ha raccontato che, secondo le voci che corrono tra le persone che portano fuori i cani in zona, sono stati segnalati pezzi di cibo sospetto non solo vicino allo sguinzagliamento dei cani, ma anche ai giardini di via Prezzolini. Lì i cani neanche ci vanno, i bambini invece sì: se si trattasse davvero di cibo avvelenato, sarebbe pericolosissimo anche per i bambini. Una cosa davvero spregevole».

Per altro tante proteste riguardano anche i giardinetti di via Prezzolini. Nello spazio verde dietro San Francesco sono stati cambiati i giochi, ma i vandali e gli incivili continuano a danneggiare il piccolo parco: lungo il sentiero principale, nella ghiaia, è stata scavata una buca, e i cestini sono sempre straripanti di ogni genere di schifezza. Questa grave incuria e mancanza di rispetto fa sì che i giardinetti non siano proprio il posto ideale dove lasciar giocare i bambini in tranquillità.



 

Precedente Lutto in città: trovato morto l'imprenditore Peppe Nigra Successivo Si è aperta la caccia e c'è già il primo denunciato