Dal 30 settembre al 5 ottobre il teatro Rossini si mette in Motus

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Pesaro, 18 settembre 2014 – Dopo l’anteprima alla Sagra Malatestiana di Rimini, dal 30 settembre al 5 ottobre il teatro Rossini ospita la compagnia Motus, una delle formazioni di maggiore talento della scena europea, per l’adattamento di King Arthur in vista del debutto al teatro Argentina di Roma il 19 e 20 ottobre nell’ambito dell’importante Romaeuropa Festival.

Il pubblico pesarese potrà assistere in anteprima all’esito del lavoro in una prova aperta che concluderà la residenza creativa. “King Arthur è un terreno di incontro fra musica e parole assolutamente originale. I suoni – scrive Motus nella descrizione dello spettacolo – sono strumenti di metamorfosi che svelano una potenzialità ambigua: il canto spetta a presenze sovrannaturali, spiriti o figure mitologiche che non hanno diritto di parola e da parte loro i personaggi del dramma non godono di nessuna facoltà musicale. Da una tale dialettica – rara nella storia del teatro occidentale – derivano il carattere ibrido del lavoro, detto “semi-opera”, e la sua anomalia fascinosa e unica.”



 

Precedente Una fiaccolata per gli operai uccisi, i sindacati: "Condanniamo inaudita violenza" Successivo Inglese, non è mai troppo tardi: a Montefiore partono i corsi per adulti