Defibrillatori per 600 impianti sportivi, la Regione stanzia 400 mila euro

defribillatori

Sono quasi 600 gli impianti sportivi delle Marche che a breve saranno dotati di defibrillatori semiautomatici. Sono state 512 le domande di contributo per l’acquisto della strumentazione salvavita giunte alla Regione, per un totale di 635 defibrillatori da assegnare. Il bando per l’accesso al finanziamento, 400 mila euro messi a disposizione dalla giunta, si è chiuso il 24 settembre. Prevede la possibilità di utilizzare il fondo regionale per la copertura del 60% della spesa che sarà sostenuta dagli operatori sportivi per comprare l’apparecchio sanitario. Sono 414 i soggetti tra federazioni sportive, discipline associate ed enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni ad avanzare le richieste, 69 gli enti locali, in forma singola o associata, 29 gli istituti scolastici e le università delle Marche. E la Giunta regionale sta valutando l’opportunità di riaprire i termini di presentazione delle domande di contributo, per poter impegnare anche i circa 25 mila euro restanti alla chiusura del bando.
Comincia così nelle Marche la piena attuazione delle linee guida del ministero della Salute che, a partire dal 3 febbraio 2016, prevedono l’obbligo, a carico delle società sportive, di dotarsi di un defibrillatore, garantendo la disponibilità, oltre che dell’apparecchio, anche di personale autorizzato a utilizzarlo durante allenamenti e gare. Notizia riferita dal Corriere Adriatico

Precedente Arrestati i "Casamonica" del Fanese, fratello e sorella "padrini" dello spaccio Successivo Petrini ai contadini del mondo,parlatevi