Depressione, donna colpisce il marito con la roncola

Borghigiano halloween
SASSOFERRATO -IL RESTO DEL CARLINO-

LITE IN FAMIGLIA tra una coppia di pensionati che ha rischiato di trasformarsi in tragedia nella notte tra venerdì e sabato a Sassoferrato. La moglie, classe ’47, da tempo in preda a crisi depressive, al culmine dell’alterco ha colpito il marito con una roncola. Sùbito sono stati contattati i carabinieri che hanno provveduto a fermare la signora e trasportare l’uomo in ospedale, dove gli sono state riscontrare ferite guaribili in venti giorni causate proprio dal tagliente attrezzo agricolo. La donna è stata, invece, sottoposta a trattamento sanitario obbligatorio proprio perché il suo profilo psicologico risulta particolarmente fragile. Non sarebbe, infatti, la prima volta che la coppia dà vita a litigi anche per motivi a volte piuttosto futili. Pure in questo caso, secondo le prime ricostruzioni, non ci sarebbe stata una motivazione particolare alla base del bisticcio, se non, appunto, la particolare vulnerabilità della donna che da tempo è alle prese con una situazione di disagio psichico. Ad avvertire i militari dell’Arma coordinati dal capitano Benedetto Iurlaro, sono stati i vicini che hanno immediatamente richiesto l’aiuto dei carabinieri quando hanno sentito le urla arrivare dall’abitazione vicina. All’arrivo in quella zona semiperiferica gli investigatori hanno provato a calmare gli animi, in particolare proprio della donna, che erano ancora decisamente agitati. Mentre l’uomo ha effettuato tutte le verifiche mediche del caso che fortunatamente hanno scongiurato conseguenze a lungo termine, gli inquirenti hanno provato a ricostruire la vicenda. Per il momento, dunque, non dovrebbero esserci ripercussioni giudiziarie, anche perché gli stessi investigatori hanno accertato come le crisi depressive della donna sarebbero realmente alla base di alcuni forti sbalzi di umore.

Precedente La Fondazione Carifac congela l’aumento agli amministratori Successivo Clienti nello studio dentistico, ma il medico era assente. Condannati i due titolari