Desi Mobili, incontro in Regione con l’assessore

desi mobili

IL BORGHIGIANO FABRIANO © Il Blog – CERRETO D’ESI – UN MESE di tempo per conoscere il destino della Desi con una serie di scadenze decisive per l’azienda di mobili in fermo produttivo ormai da oltre un mese e per i dipendenti, in tutto 140 la metà dei quali ha comunque già deciso di passare alla mobilità volontaria e lasciare l’impresa. Si comincia martedì ad Ancona quando nella sede della Regione approderanno sindacati e una delegazione di operai dell’industria cerretese per confrontarsi con l’assessore al lavoro Marco Luchetti. Il 23 aprile sarà invece la volta dell’attesa nomina del curatore fallimentare a cui spetterà il compito di gestire questa fase determinante per capire se l’impresa potrà ancora riabilitarsi oppure sarà destinata alla definitiva chiusura. In realtà una manifestazione d’interesse da parte di un’industria di settore del Pesarese ci sarebbe, ma vincolata ad un’eventuale concretizzazione della trattativa entro metà maggio. Ecco perché parti sociali e operai invocano massima tempestività da parte del curatore che sarà chiamato a guidare la Desi, sperando, appunto, che non ci si lasci sfuggire la possibilità di avere un acquirente. Quanto, invece, al personale che sarebbe riassorbito da un eventuale passaggio ad un nuovo proprietario è probabile che si tratti al massimo di una trentina di persone e dunque solo di una parte minoritaria

Precedente Scomparso dopo essere andato a pesca, ritrovato morto Alessandro Bernardini Successivo MotoGp Austin, Valentino Rossi: "Sarà dura, ma voglio vincere"