Desi Mobili – Sit-in in centro dei 140 dipendenti

desi-mobili1

IL BORGHIGIANO FABRIANO © Il Blog – CERRETO D’ESI – DESI MOBILI OGGI ANCHE L’INCONTRO CON IL COMMISSARIO PREFETTIZIO –  I LAVORATORI della Desi Mobili scendono in piazza per un’intensa mattinata che comincia alle 10 con il sit in lungo il centro storico di Cerreto d’Esi e prosegue un’ora dopo attraverso l’incontro con il commissario prefettizio Angela Buzzanca da diversi mesi alla guida dell’ente municipale. L’iniziativa odierna non è solo un modo per cercare di coinvolgere il più possibile le istituzioni locali, ma anche il segnale da lanciare perché si tenga alta l’attenzione sulla vicenda che tiene in scacco il destino di 140 dipendenti dell’impresa in stato prefallimentare e ovviamente anche delle loro famiglie. In coda all’appuntamento di stamane in paese, si conta di ottenere a breve la convocazione per un summit in Ministero per capire se i lavoratori in fermo produttivo ormai da quasi quattro settimane potranno avere il sussidio di cinque mesi di cassa integrazione prima di divenire a tutti gli effetti disoccupati aprendo la procedura di mobilità. Un ultimo paracadute, insomma, per tenere viva la speranza che qualche imprenditore sia realmente interessato ad acquisire l’azienda e magari accollarsi una parte del personale. Nei prossimi giorni i sindacati sperano di portare proprio a Roma le istanze di operai e impiegati per discutere del futuro dei 70 dipendenti rimasti operativi con l’azienda cerretese prossima ad aprire la fase fallimentare, mentre altri 70 hanno deciso di entrare direttamente in mobilità nella speranza di ricevere al più presto i crediti arretrati. Per loro la formula della mobilità (quindi con stipendio in media all’80%) è di un anno per gli under 40′, uno e mezzo per chi ha tra 40 e 50 anni e due per gli over 50′. Intanto ogni lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12 gli operai continuano i presidi in fabbrica.

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

Precedente Isola dei Famosi, Margot incoronata tra le 5 bellezze emergenti dei social Successivo Sarà dimesso oggi dal Salesi il piccolo volato dal balcone