Deve traslocare, abbandona i rifiuti per strada

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fanom (Pesaro e Urbino) 2 marzo 2016 – Doveva traslocare e non aveva voglia di conferire all’Aset ciò che non aveva intenzione di portare via con sé. E così ha pensato bene di gettare tutto in mezzo alla natura. Dopo un mese di indagini è stato individuato e sanzionato il responsabile dell’abbandono di rifiuti (foto) in località Torno Vecchio in Comune di Fano.

“Lo scorso mese di novembre – spiega il sovrintendente Massimo Spanu, comandante della Stazione di Cartoceto del Corpo Forestale dello Stato -, lungo la Strada Comunale in località Torno Vecchio, veniva accertata la presenza di un consistente cumulo di rifiuti costituiti da vari sacchetti di plastica contenenti  rifiuti solidi urbani: oltre a ciò bottiglie di plastica, documenti cartacei, rete ombreggiante e persino strumenti musicali elettronici erano abbandonati a lato della strada. Le conseguenti indagini avviate dal Corpo Forestale dello Stato hanno permesso di risalire al trasgressore, accertando l’identità del responsabile dell’illecito. Si tratta di un trentenne che, in procinto di traslocare, aveva pensato di facilitarsi il trasferimento gettando tale materiale lungo la strada comunale. Allo stesso è stato contestato l’illecito, a norma dell’art. 192 del D.Lgs. 3 aprile 2006 n° 152, che prevede una sanzione da 300 a 3mila euro. Nei boschi adiacenti al fiume Metauro sono stati scoperti altri 8 siti di abbandono rifiuti per 6 dei quali sono già stati individuati i responsabili e applicate le dovute sanzioni amministrative mentre la bonifica dei siti è curata dall’Aset”.

Le operazioni sono state condotte dal Comando Stazione Forestale di Cartoceto nell’ambito di una campagna di controllo e di intensificazione delle attività a contrasto del fenomeno dell’illecito abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Si spaccia per medico e truffa una donna malata di Sla Successivo Arte di Bartolini in Quaderni Consiglio