“Devo decidere se sfigurarti o ucciderti”. Tolentinate a processo per stalking

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Tolentino (Macerata), 25 settembre 2014 – “DEVO solo decidere se farmi dieci anni o trenta, perché devo decidere se sfigurarti o ucciderti”. Sarebbero minacce inquietanti quelle che avrebbe ricevuto una giovane Tolentinate da parte dell’ex compagno. Per questo ora lui, un tolentinate di 38 anni, è imputato di stalking.

Sulla vicenda oggi si è aperto il processo a Macerata. I fatti sarebbero iniziati dall’agosto dell’anno scorso. L’uomo, non accettando la fine della relazione, avrebbe iniziato a tempestare la ex di insulti attraverso continue telefonate e numerosissimi sms. A questo via via si sarebbero aggiunti i pedinamenti, gli appostamenti, gli agguati sul posto di lavoro, gli insulti per strada, le aggressioni verbali e fisiche e le minacce sempre più allarmanti, nei confronti della ex e delle persone vicine a lei.

Dopo le denunce della giovane, al tolentinate è stato imposto per due volte il divieto di avvicinarsi a lei, ma dato che in entrambi i casi lui sarebbe tornato a infastidirla, tanto che alla fine il tribunale lo ha messo agli arresti domiciliari. Oggi per lui si è aperto il processo, davanti al giudice Maupoil, che ha rinviato l’udienza a ottobre per iniziare a sentire i primi testimoni citati dal Pm (l’avvocato Francesca D’Arienzo). L’imputato, difeso dall’avvocato Sergio Ariozzi, respinge le accuse, e assicura di aver cercato la ex solo per chiederle maggiori attenzioni verso il figlio nato dalla coppia.



 

Precedente Botte da orbi ​tra due famiglie In cinque finiscono all'ospedale Successivo Ponte sul Fiastra, scattano i lavori