Domenica nel pallone

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 21 febbraio 2016 – Per carità, la sicurezza prima di tutto. Giammai a Macerata arrivassero orde di hooligans a mettere a ferro e fuoco la città. Non è la prima volta però che le disposizioni decise da prefettura e questura sull’ordine pubblico per una partita di calcio, mandino su tutte le furie anche a chi del pallone non frega nulla. Chi abita e chi lavora nelle vie vicine allo stadio, seppur ormai ci abbia fatto il callo, vivrà un’altra domenica di passione, tra deviazioni e divieti di sosta. Lo stop alla vendita di alcolici nei bar arriva fino a Santa Maria in Selva: chissà che non si voglia boicottare anche la polenta.

Per non parlare di quei locali che non potranno vendere neanche una lattina di aranciata a un bambino che passa con il nonno vicino allo stadio durante la partita. Ma che di entrare all’Helvia Recina neanche ci pensa. E i supermercati tagliati fuori dal traffico? E i biglietti che avrebbero voluto acquistare i tifosi maceratesi residenti fuori provincia? Prima no, poi sì, ma solo in tribuna. Domenica nel pallone. Quattro ore. Di assurdità.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Cerreto d'Esi, l'amica le offre il caffè, le ruba un orologio da duemila euro Successivo Festa delle Pro Loco a Loreto