Droga, il fiuto di Uro e la lezione di legalità

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 17 febbraio 2016 – Quattrocento ragazzi faccia a faccia con la guardia di finanza. Ieri mattina, all’Itc Gentili, gli studenti dell’ultimo anno, insieme con gli alunni del terzo superiore del liceo artistico, hanno affollato l’aula magna per assistere alla lezione del tenente Donato Niro e alla dimostrazione dell’unità cinofila. Presente anche il comandante Amedeo Gravina. A stupire i ragazzi è stato soprattutto il cane lupo Uro, maschio di sei anni, che ha dimostrato, nell’ambito di una simulazione in un aeroporto, di saper scovare la droga nascosta in una delle valige.

Uro è poi stato premiato dal suo conduttore, l’appuntato scelto Pietro Alloggio, tra gli applausi degli studenti entusiasti. «Operiamo sul territorio a 360 gradi – ha spiegato il colonnello Gravina, al comando a Macerata da sei mesi –-. È importante andare ad agire sui giovani, facendo capire loro che gli stupefacenti fanno male e portano solo guai. Tra gli obiettivi che ci stanno più a cuore, c’è poi il contrasto all’evasione, e quindi la tutela della spesa pubblica. Inoltre, certamente, anche il contrasto allo spaccio. Puntiamo sulla bonifica di intere aree, com’è stato fatto, ad esempio, dalla polizia per i giardini Diaz. Nel campo della lotta alla contraffazione, si è registrata un’impennata esponenziale di sequestri di prodotti pericolosi, come nel caso delle luminarie, o in quello dei bicchieri di plastica con sostanze chimiche, ma abbiamo sequestrato anche giocattoli pericolosi. Siamo saliti di livello, concentrandoci sull’importatore piuttosto che sul venditore. Il produttore cinese è in prima linea nel settore dell’illecito in questo campo». E sulla situazione maceratese, Gravina puntualizza: «I dati dei sequestri nel Maceratese sono secondi, per quantità, solo alla Lombardia. Sul versante dell’evasione fiscale e della tutela delle entrate, Macerata è invece nella media nazionale». «È fondamentale non limitarsi ad incontri di questo tipo – sottolinea il preside dell’Itc, Pierfrancesco Castiglioni –. Come linea direttiva, ho disposto agli insegnanti di sensibilizzare alla legalità anche in classe, ogni volta che si presenta l’occasione. Cerchiamo di insegnare il rispetto delle regole».

«In ognuno di voi ci può essere un finanziere – dice il tenente Niro ai ragazzi –, partecipate al circuito virtuoso e tenetevi alla larga dal crimine. Ciascuno è in grado di essere un presidio di legalità. È la cultura a rendervi liberi». La mattinata è andata avanti con video divertenti messi in onda dalla guardia di finanza, tra cui Maurizio Crozza, Checco Zalone e Fiorello, e con i racconti del tenente Niro, incentrati principalmente sui temi dell’evasione fiscale e della lotta alla contraffazione.

Chiara Gabrielli

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Agromafie Marche: sale la criminalità Ancona e Ascoli le province a rischio Successivo Murri: «Ortopedia, il reparto ora respira: siamo passati da 4 a 7 medici»