Due furti in due giorni nella pasticceria: “Nessun controllo, adesso dormo qui”

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Civitanova, 7 ottobre 2014 – Prima gli rubano i soldi dalla cassa e l’indomani fanno anche razzia di cioccolata, bibite e addirittura si concedono uno spuntino mangiandosi il gelato. Due furti in due giorni: c’è comprensibile amarezza nelle parole di Antonio Giacovelli di “Opéra”, pasticceria, cioccolateria e gelateria vicino all’ex ente fiera, in pieno centro. Nelle notti di sabato e domenica il locale infatti ha subìto due consecutive e sgradite visite dei ladri. «Oggi (ieri, ndr) dormo qui — lo sfogo di Giacovelli — e se li becco che tornano ancora…». Il primo colpo, sabato. «Avevamo chiuso il locale intorno all’una — racconta Giacovelli —, anticipando l’orario rispetto a quello estivo. Domenica mattina ci siamo accorti che l’ingresso principale era stato forzato: hanno aperto il registratore di cassa così come il contenitore per le mance dei dipendenti. All’interno pochi soldi, sui 150 euro». Giacovelli così ha deciso di togliere il contante dal registratore, ignaro però che i ladri sarebbero tornati in azione in meno di 24 ore. 

«Stavolta hanno fatto un casino nel locale, si sono mossi con pura cattiveria — osserva Giacovelli —: non trovando più soldi, hanno rubato cioccolato, biscotti, bottiglie e i cuscini delle sedie. Hanno gettato tutte le scatole in terra e hanno aperto il frigorifero, portandosi via i brick di Estathé e le lattine di Fanta e Coca Cola. Hanno persino mangiato il gelato! Inoltre per dispetto hanno distrutto un grosso pupazzo di cioccolato che pesava venti chili, prendendolo penso a martellate: noi lo vendevamo a 500 euro, mentre ora devo buttare tutto via». All’interno del locale sono stati ritrovati anche un seghetto e una pila. 

I fatti sono stati denunciati ai carabinieri. «Oltre al danno (stimo sopra i mille euro) dobbiamo perdere tempo a preparare di nuovo tutto — continua Giacovelli —: non abbiamo nulla oggi (ieri, nda) da dare ai clienti. Telecamere? In genere chiudiamo alle 2 e alle 4.30 siamo di nuovo qui, mentre il costo della vigilanza è troppo alto. Il problema è che questa zona, nonostante si trovi in pieno centro, è dimenticata: non ci passa mai nessuno a controllare. C’è un problema di decoro nei pressi dell’ex ente fiera. Tutelate chi dà da lavorare!». 



 

Precedente Una settimana in memoria di don Paolo Tonucci Successivo La grande bellezza piace al Giro d’Italia, terza volta in 4 anni sulla panoramica