Due sommelier e tante serate di musica. Scelto gestore del giardino di Palazzo Ricci

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 13 maggio 2015 - L’APERTURA del locale in via Sabbatini con annesso il cortile di palazzo Ricci avverrà entro fine giugno. Il Comune ha decretato il vincitore del bando. Saranno due giovani sommelier pesaresi associati, Michele Bracceschi e Luca Papperi a gestire il locale, di proprietà comunale, nei prossimi 6 anni, quindi fino al 2021.

I due pagheranno al Comune un affitto di 12.500 euro annui. Un affitto che l’amministrazione ha voluto basso, con l’impegno del privato ad occuparsi della manutenzione del giardino che resterà pubblico: «Uscirà così dall’attuale condizione di degrado e sarà restituito alla città», commentano il sindaco Ricci e l’assessore Enzo Belloni. Il nuovo locale sarà aperto da mattina a sera: «Si va dalla colazione per famiglie e bambini nello spazio verde, con giochi rimovibili, alla ristorazione, passando per l’intrattenimento culturale», spiegano i due sommelier vincitori. Il progetto prevede inoltre un ampio cartellone di concerti aperti e gratuiti, che privilegi il format acustico e semi-acustico e collaborazioni con gli allievi del Conservatorio e del liceo musicale Marconi.

AL CARTELLONE concertistico organizzato dal privato si aggiungeranno venti iniziative del Comune di carattere musicale e culturale da ospitare nel cortile ogni dodici mesi. Una mossa che si integra con l’obiettivo, annunciato dal sindaco l’altro ieri agli Stati generali del centro storico, di rendere la zona che gravita tra piazza Olivieri e palazzo Ricci il «cuore della città della musica».

Al bando per l’assegnazione dei locali in via Sabbatini hanno partecipato 11 privati, ma solo 2 progetti hanno raggiunto un punteggio sufficiente per essere presi in considerazione: quello vincente di Bracceschi e Papperi e quello di Gabriele Alessandroni, primo gestore del mercato delle erbe. Ha avuto un peso determinante nel convincere la commissione comunale a scegliere il progetto di Braccesi e Papperi la loro proposta di riqualificazione del cortile, con l’inserimento di collegamenti pedonali, un’area di piante aromatiche e deck in legno con illuminazione a terra per ridurre l’inquinamento luminoso. Soddisfatti sindaco e assessore: «Dopo il mercato delle erbe e palazzo Gradari è un altro locale che presto riaprirà i battenti, un tassello in più nel quadro della vivacità del centro storico».

 

 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Avances sugli studenti: il professore torna libero, ma non può insegnare Successivo Ascoli, romeno in manette per 32 furti e sei rapine