Durante la battuta di caccia nel bosco un cacciatore ferito dal compagno

20151107_caccia

Il Borghigiano Fabriano il Blog delle Marche-  Una squadra di cacciatori stava effettuando ieri pomeriggio una battuta di caccia al cinghiale nei pressi di Grotte,
Un luogo poco lontano da San Giovanni, alle pendici di Monte San Vicino, quando, da un fucile è partito un colpo che ha gravemente ferito un compagno al bacino. L’uomo – 56 anni di Monsano – è caduto in mezzo al bosco ed è scattato il panico. Sono stati i compagni a chiamare i soccorsi.

Sul posto l’ambulanza del 118 dell’ospedale Profili, l’eliambulanza e i carabinieri delle stazioni di Serra San Quirico e Cupramontana che si trovavano in zona per alcuni servizi di controllo del territorio.
Il cacciatore – sempre cosciente – è stato trasferito all’ospedale regionale di Torrette di Ancona ed è stato operato d’urgenza intorno alle 16.

L’equipe di chirurgia ha dovuto estrarre il proiettile dal suo corpo. È ancora in prognosi riservata. I medici dovranno stabilire l’entità del danno provocato dal colpo di fucile e se sono stati intaccati alcuni organi. Sembra, infatti, che la munizione abbia colpito l’uomo l’altezza del fondoschiena.

A sparare è stato un compagno di squadra, un 58enne residente nel comprensorio di Chiaravalle, che, sotto choc, è rimasto alcune ore in osservazione al pronto soccorso.

I carabinieri hanno provveduto a sequestrare fucili, proiettili e quanto rinvenuto nel bosco poco lontano dal Santuario Madonna della Grotta, meta di pellegrinaggi continui.

Notizia riferita dal Corriere Adriatico

Precedente Tavullia, Ricci: "Vale bravo lo stesso" Malori in paese e circolazione intasata Successivo La piazza d’Urbino scatenata per il "suo" Valentino