È morto a 87 anni Mario Dondero

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 14 dicembre 2015 - Si è spento ieri sera senza clamore, accanto alle persone che amava, se n’è andato così Mario Dondero, un grande fotografo, una persona di valore. Aveva 87 anni e stava male ormai da mesi, affrontava con dignità e coraggio la sofferenza, lui che la vita l’ha amata tanto, con coraggio, con curiosità e voglia di scoprire sempre cose nuove. Era nato a Milano, ma di origine genovese, nel 1928, ha attraversato il mondo intero con la sua macchina fotografica, fotoreporter a caccia di storie, di persone, di amicizia e di colori. Parigi era la sua città ma anche Milano e poi Fermo dove ha scelto di stabilirsi e dove alla fine è morto.

Amava raccontare la sua giovinezza vissuta da partigiano, indossava ancora con orgoglio il fazzoletto rosso da combattente per la libertà, capace di salire nei boschi per difendere la democrazia. Infinite le mostre realizzate, impossibile elencare i premi ricevuti, tanti i documentari e i film girati sulla sua vicenda umana e professionale.   Uno stile intenso e indimenticabile, le sue fotografie non si dimenticano, il suo viaggio lo porta a conoscere e a ritrarre tutti i grandi del mondo, artisti, scrittori, Pablo Picasso, Alberto Giacometti, Giuseppe Ungaretti, Maria Callas, Yves Montand, Serge Gainsbourg, Juliette Greco, Francis Lemarque, Orson Welles, Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Luchino Visconti, Pier Paolo Pasolini, Laura Betti.

E poi, i politici più importanti, fotografie che sono denunce, impegno civile, è un modo nuovo che Mario ha trovato per resistere e continuare a combattere, come da ragazzino sulle montagne per la libertà di tutti. La notizia della sua scomparsa ha provocato profondo cordoglio nel fermano, di recente la Fototeca provinciale di Altidona ha cominciato a digitalizzare l’immenso patrimonio fotografico di Dondero, un tesoro infinito di storie che si cerca di custodire, per non perdere nemmeno una briciola di magia, per una storia che non si ferma mai, come il viaggio di Dondero che ha vissuto il mondo intero e ha scelto Fermo come casa, per sempre.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Solenni aperture delle porte del giubileo Successivo Cade mentre è sola in casa, paura per un’anziana