Ecco il tratto di pista ciclabile che unisce i lungomare

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Civitanova, 28 agosto 2014 – Tutto il lungomare cittadino collegato dalla pista ciclabile. Questo pomeriggio inaugurazione (ore 17.30) del nuovo tratto realizzato lungo via Santorre di Santarosa, via Leonardo da Vinci e piazzale Scorolli, che ha unito i percorsi del lungomare sud e di quello nord. 

L’intervento è partito in primavera ed è costato 460mila euro, completamente finanziato dalla Regione Marche con i fondi stanziati per la riqualificazione delle aree portuali. Con questo segmento cresce il chilometraggio delle ciclabili ‘turistiche’ (la litoranea, quella del parco del Castellaro e quella del fiume Chienti), frequentatissime dagli appassionati del pedale e non solo, ma nessun passo avanti sul fronte delle ciclabili urbane, di collegamento tra i quartieri. Anche ieri mattina c’è stato, a San Marone, un incidente tra una bici e uno scooter, per fortuna con conseguenze molto lievi per chi era in sella.

E’ pur vero che a Civitanova si pedala spesso in barba ad ogni regola del Codice della strada, in controsenso di marcia, sui marciapiedi, sulla carreggiata del litorale nonostante ci sia la ciclabile, violazioni che non possono essere giustificate con il fatto che le piste mancano lungo tutte le vie principali. Sulla necessità di investire nelle ciclabili di quartiere si sbilancia il sindaco Tommaso Corvatta: «finalmente — dice l’intero litorale urbano è servito dalla pista ciclabile, opera importante che alla comunità civitanovese non è costata nulla, perché interamente finanziata dalla Regione. Questo rappresenta un motore per la crescita turistica della città, ma è solo un traguardo intermedio, in vista di ulteriori estensioni della mobilità ciclabile. Un biglietto da visita in più per i visitatori, ma anche un’opportunità ai civitanovesi per fruire meglio del nostro litorale, e attraverso la mobilità dolce riconquistare altre zone del territorio comunale da sottrarre alla marginalità e al degrado». Al taglio del nastro è invitata la cittadinanza. Ci sarà anche un rinfresco nei pressi dell’incrocio tra via Trento e viale Matteotti.



Precedente Arrestato "Vincenzo ’o Pazzo", era ricercato in Germania Successivo Soccorsi escursionisti sul Vettore