Ecco la Lube, Juantorena fa già sognare i tifosi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova, 24 ottobre 2015 – Alcune centinaia di persone – fra tifosi, sponsor e autorità – si sono radunati ieri sera all’Eurosuole Forum di Civitanova per la presentazione della Lube, segno di un entusiasmo che comincia a crescere attorno alla nuova squadra biancorossa, zeppa di campioni. «Senza di voi, che da sempre ci sostenete, non avremmo potuto scrivere una storia lunga 25 anni», ha detto la presidente Simona Sileoni salutando e ringraziando tutti. C’era, innanzi tutto, un nutrito gruppo di amici del club «Lube nel cuore» con la loro immancabile maglietta dei «Predators», le bandiere biancorosse e uno striscione eloquente: «Non siamo capaci solo a guardare, ricominciamo a tifare». Poi, i rappresentanti delle istituzioni: dal sindaco Tommaso Corvatta al «vice» Giulio Silenzi, fino all’assessore provinciale allo Sport, Giovanni Torresi. Quindi, Franco Brasili e Roberto Cambriani per Fipav e Coni, nonché l’imprenditore Germano Ercoli, titolare dell’Eurosuole, l’azienda che lega il proprio nome al palasport. Ha condotto la serata il giornalista Lorenzo Ottaviani, presentando con una veloce carrellata i protagonisti della squadra e della società.

Il primo a finire sotto i riflettori è stato il coach Gianlorenzo Blengini, reduce dalla positiva avventura come Ct della Nazionale. «Domenica finalmente si comincia – ha detto il tecnico – e cercheremo di essere pronti. Adesso conta soltanto questo, siamo qui per far bene». Dopo di lui i giocatori, chiamati in ordine di maglia, dal numero 1 Alessandro Fei fino al numero 18, Marko Podrascanin. E, dulcis in fundo, Ivan Miljkovic, il capitano in pectore di questa squadra, come lo fu nel 2006, l’anno del primo scudetto. La pratica per il suo tesseramento come giocatore italiano è ancora in itinere – tant’è che domenica non potrà andare in campo con gli altri compagni – ma non dovrebbe mancare molto per la sua definizione. Intanto lui scalpita: «Sono molto contento di essere tornato a casa – ha detto – e ce la metterò tutta perché quando faccio una cosa mi piace sempre farla al 100 per cento. Altrimenti non la faccio». Molti applausi anche per Osmany Juantorena, definito da Giulianelli – al momento della firma del contratto – «il Messi della pallavolo». «Sono felice di essere qui – sono state le sue prime parole di fronte al pubblico del palas – e sono molto carico, come la squadra. Vogliamo far bene, divertirci e divertire i nostri tifosi». Accanto alla Sileoni, hanno presenziato tutti i dirigenti del Club: il vice presidente Albino Massaccesi, che è pure presidente di Lega, il direttore sportivo Stefano Recine e il patron Fabio Giulianelli, il quale, nel saluto, ha ribadito che ogni partita, in una stagione così intensa, avrà il valore di una finale: «Abbiamo la squadra giusta per centrare gli obiettivi che ci siamo prefissi – ha concluso il titolare della Lube – ma servirà una sana cattiveria per tirar fuori in ogni sfida tutto quello che abbiamo dentro».

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Hacker islamici nei siti di Comune, scuole e musei Successivo IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano-