Emergenze in mare, entra in azione la Croce Rossa di Marotta

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Marotta (Pesaro e Urbino), 12 giugno 2015 – Sarà attivata domani e rimarrà in funzione per tutta l’estate la ‘Postazione di ausilio per le emergenze in mare’ della Croce Rossa di Marotta. Un servizio svolto sotto il coordinamento della Guardia Costiera e in stretto collegamento con le sale operative dell’Autorità Marittima per elevare la soglia di sicurezza dei bagnanti e dei turisti in genere.

La postazione avrà la sua base nello spazio d’arenile di fronte a piazza Kennedy, sarà operativa il sabato, la domenica e i festivi dalle 9 alle 19 ed effettuerà interventi in tutta la fascia costiera di Marotta, Ponte Sasso e Torrette. La dotazione tecnica comprende una moto d’acqua con barrella, un pattino di salvataggio, un quad con targa Cri, due vhf portatili di tipo marino e un cellulare di servizio (questi ultimi necessari per un più sicuro e agevole collegamento con le sale operative e i mezzi della Guardia Costiera in occasione di interventi in mare e con la sala operativa del 118 per le emergenze di tipo sanitario).

Il personale volontario operante indosserà maglietta e pantaloncini con scritte identificative ‘Croce Rossa Italiana – Opsa’, salvagente giallo con identificativo sul dorso ‘Cri’ e casco di colore giallo ad alta visibilità. La squadra giornaliera sarà composta da un conduttore dei mezzi nautici e da un volontario abilitato Opsa (il brevetto di Operatore Polivalente Salvamento in Acqua).

Tale iniziativa, totalmente gratuita, é chiara conferma di un impegno profondo, ormai consolidato sui territori di Marotta, Ponte Sasso e Torrette, del comitato della Croce Rossa guidato dal presidente Luciano Seri, che ha ottenuto nelle passate stagioni un grande apprezzamento da parte dei turisti.

s.fr.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Omicidio di Roberto Tizi, arrestati tre complici di Ziu Successivo Anziana cade dalla scala in giardino, muore dopo quattro ore di agonia