Ennesimo colpo in centro, ladri in fuga con la cassa

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Civitanova Marche, 14 novembre 2014 – Non si placa l’escalation di furti ai danni di bar e ristoranti della città. L’ultimo episodio si è verificato proprio ieri: questa volta è stato “visitato” il Sider, birreria-cocktail bar aperto da circa tre mesi in via Cairoli, a pochi passi da piazza XX Settembre. I ladri, secondo quanto appurato dal titolare, hanno agito all’alba, verso le 5.30 di giovedì mattina. Hanno forzato, presumibilmente con un piede di porco, l’infisso dell’ingresso, e da qui sono entrati dentro il locale, bloccando la porta con un fusto di birra.

I malviventi sono subito andati a rubare il registratore di cassa, con al suo interno alcune centinaia d’euro, ma non si sono lasciati sfuggire anche due bottiglie di Franciacorta. Poi sono scappati. Fortunatamente non hanno devastato il locale (come è avvenuto in altri episodi del genere), “risparmiando” la costosa attrezzatura della cucina recentemente acquistata. Il fatto è stato denunciato in Commissariato.

Vicino al locale si trovano diverse banche, che potrebbero aver ripreso la scena con il loro servizio di videosorveglianza: anche se, molto spesso, è difficile risalire ai ladri, che quasi sempre sono con il volto travisato. La dinamica comunque ricorda quella dei precedenti colpi messi a segno contro attività di ristorazione, con il fondo cassa che ormai è diventato l’obiettivo “primario” dai ladri. Nella notte tra domenica e lunedì c’è stato il blitz al caffè Nanà di viale Vittorio Veneto, con i ladri “sorpresi” dall’allarme e ripresi dalla telecamere. Tra martedì e mercoledì poi il colpo al “Baretto” di corso Garibaldi. Nei giorni scorsi i malviventi erano entrati in azione anche al ristorante Orso e da Primo Piatto.

Michele Mastrangelo



 

Precedente C'è una rotatoria nel futuro dell'incrocio tra via Asiago e viale De Gasperi Successivo Porto San Giorgio, pesce fresco dell’Adriatico sulle tavole delle mense scolastiche