Entrano per i gioielli, ma trovano le chiavi dell’auto: ladri fuggono con l’Audi A6

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Senigallia (Ancona), 30 ottobre 2014 – Trovano in casa le chiavi dell’auto e così fuggono a bordo di una Audi A6. E’ successo l’altra notte in una villetta a schiera in via dei Tigli, nella zona di viale dei Pini. I ladri sono entrati in azione mentre i proprietari stavano dormendo.

Dopo aver forzato una finestra, i malviventi si sono introdotti al piano inferiore della villetta, iniziando a rovistare nelle varie stanze. Senza farsi sentire, i ladri hanno trovato e rubato alcuni monili d’oro di scarso valore ed un po’ di soldi in contanti. Ma ad attirare la loro attenzione sono state le chiavi dell’Audi A 6 che erano state lasciate su un tavolo.

A quel punto i malviventi hanno deciso di rubare anche la prestigiosa berlina che era parcheggiata davanti alla villetta. Usciti da dove erano entrati, i ladri hanno raggiunto l’Audi, a bordo della quale si sono dileguati. E’ proprio la berlina il pezzo più pregiato del bottino, considerato una valore di oltre 50 mila euro.

A dare l’allarme alla polizia, intervenuta per i rilievi, sono stati gli stessi proprietari della villetta che ieri mattina al loro risveglio hanno trovato i segni dell’intrusione ladresca e soprattutto non hanno più visto la loro Audi. Indagini sono in corso per cercare di rintracciare la berlina prima che possa finire magari all’estero.

C’è infatti un traffico clandestino di auto di grossa cilindrata che spesso finiscono per essere esportate illegalmente. Il nuovo furto in casa non fa che confermare un periodo caratterizzato da numerosi colpi ai danni delle abitazioni – anche tramite truffe – e delle attività commerciali. A questo proposito, i carabinieri stanno cercando – tramite le immagini delle telecamere di sorveglianza – di trovare elementi utili alle indagini sul doppio maxi furto ai danni dell’azienda ‘Ciriachi’ e del negozio di abbigliamento ‘Twinkle’, sulla provinciale Corinaldese. Nell’azienda di stufe e caminetti non è ancora stato ultimato l’inventario del materiale rubato e caricato su un Tir la notte tra lunedì e martedì. Un furto che ha fruttato alla banda di professionisti un bottino di svariate centinaia di migliaia di euro tra stufe, caminetti, oltre a capi di abbigliamento di note griffe. Indagini che si profilano molto complesse, lunghe ed articolate proprio perché la banda sembra non aver lasciato niente al caso.



 

Precedente FABRIANO - Bagni pubblici e cimitero, Serradica nell'abbandono Successivo Addio a Tommaso Moretti stroncato da un male incurabile