Esodo, dopo due anni torna nelle Marche il bollino nero sull’A14: sarà l’8 agosto

20150805_10ead3c7db1fc93e6d8154116c81518d

IL BORGHIGIANO FABRIANO IL BLOG –

Dopo due anni di assenza, per la giornata dell’8 agosto ritorna il bollino nero. Si tratta di una giornata di traffico con criticità molto elevata, soprattutto per quanto riguarda la A/14 strada interessata al flusso veicolare verso la Grecia e le regioni del Sud e che sarà da bollino rosso il primo e l’ultimo weekend di agosto.


Pertanto la polizia stradale delle Marche consiglia a tutti gli automobilisti che si mettono in viaggio, di controllare che i veicoli siano revisionati ed assicurati, lo stato d’uso degli pneumatici, i livelli dei liquidi del motore, effettuare soste frequenti per il recupero psico-fisico dei conducenti, evitare distrazioni e l’uso del telefonino, indossare le cinture di sicurezza anche nei sedili posteriori, mantenere la distanza di sicurezza ed adottare una velocità consona all’intensità di traffico senza mai superare i limiti imposti.

Per quanto riguarda la rete autostradale e quella nazionale sia il Direttore di Tronco dell’autostrada sia i responsabili dell’Anas hanno deciso di eliminare tutti i cantieri e mettere in sicurezza le strade, particolare importanza si dà al tratto autostradale Senigallia-Ancona Sud, perché si stanno eseguendo lavori importantissimi di ampliamento delle corsie e delle gallerie, pertanto la Polizia Stradale ha posto i limitatori ed apparecchiature destinate alla misurazione della velocità.

Durante il mese di agosto la Polizia Stradale delle Marche ha aumentato il numero delle pattuglie e creato servizi aggiuntivi, per garantire la sicurezza stradale e dare aiuto a chi ne avesse necessità in caso di traffico rallentato o addirittura fermo, inoltre nelle aree di servizio autostradali e non solo, sono predisposti servizi in abiti civili per prevenire furti delle auto in sosta.

FONTE IL CORRIERE ADRIATICO 

Precedente Carabiniere di Tolentino ucciso Resta in carcere il collega arrestato Successivo Il ‘Dance Immersion festival’ omaggia Pasolini