Espulso per aver condiviso video jihadisti: rischia la pena di morte

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 21 gennaio 2014 – Rischia la pena di morte nel proprio Paese l’operaio pakistano rimpatriato ieri dopo essere stato accusato dal ministero degli Interni di aver condiviso sul proprio profilo Facebook video inneggianti alla Jihad. Lo temono i suoi familiari – secondo quanto riferito dal legale del ragazzo – i quali, questa mattina, sono voluti tornare in patria assieme al ragazzo. Il Pakistan, infatti, dopo l’attentato del 16 dicembre scorso a Peshawar in cui morirono 141 persone tra cui 134 studenti, ha inasprito le pene per reati legati al terrorismo creando un tribunale militare speciale per questi crimini.

Il ragazzo pakistano, 26 anni, da 12 residente a Civitanova, era stato prelevato ieri nella fabbrica dove lavora e portato direttamente in tribunale. Nel pomeriggio il giudice aveva disposto l’espulsione immediata. Il giovane – assistito dall’avvocato Maurizio Nardozza – aveva provato a difendersi sostenendo di non aver nulla a che vedere con i terroristi, di aver sempre rispettato tutte le religioni e di non aver condiviso video. Al massimo – ha spiegato – potrebbe aver visitato qualche video postato da conoscenti pakistani sui social.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Giudice, stangata al Fano: 1.300 euro di multa e 3 giornate a Gucci Successivo Albergo illuminato senza l'allaccio a Enel Esercente nei guai per furto di corrente