“Evasione fiscale”. Sequestrati beni per 2,3 milioni a due imprenditori

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Ancona, 21 ottobre 2014 – 2,3 milioni di euro. Questo il valore dei beni degli imprenditori anconetani Sergio e Gianluca Mazzieri sottoposti a sequestro preventivo dalla Guardia di Finanza di Ancona.

I due, padre e figlio di 68 e 43 anni, indagati per una presunta evasione fiscale tra il 2011 e il 2013 pari al totale del sequestro. Il provvedimento, chiesto dal pm Andrea Laurino al gip Alberto Pallucchini, è stato messo in atto ai primi di ottobre. I due indagati sono stati coinvolti in quanto legali rappresentanti della ditta di pulizie generali Conea srl di Ancona. I finanzieri hanno ‘congelato’ quote societarie (tra cui quella della discoteca Naomi), conti correnti e un immobile in via Di Vittorio alla Baraccola, sede della Conea.

Il loro difensore, l’avvocato Riccardo Leonardi, confermando l’esecuzione del sequestro, ha respinto le accuse contestate e annunciato di avere già presentato ricorso al tribunale del Riesame per chiedere il dissequestro di beni e quote. A Sergio Mazzieri vengono contestate omissioni d’imposte per oltre 1,8 milioni per i redditi 2010-2012. Mentre al figlio, sempre come amministratore della società, la Procura addebita di avere alleggerito il bilancio con fatture di altre società per operazioni ritenute inesistenti per complessivi 187 mila euro.



Precedente Ladro fa cadere una ciclista con il figlioletto sul seggiolino Successivo Escavatore si ribalta al cimitero, operaio schiacciato: è grave