Fa sparire 460mila euro da un conto, arrestato dipendente di una banca

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

San Bendetto del Tronto (Ascoli), 22 dicembre 2015 – La Guardia di Finanza di San Benedetto del Tronto ha arrestato un dipendente di una banca presso la quale una cittadina di origini tedesche aveva versato la somma di 460.000 euro, frutto di una pregressa vendita immobiliare, soldi poi spariti “nel nulla”.

L’arresto dell’uomo arriva a pochi giorni dalla perquisizione della sua abitazione e del suo ufficio. L’uomo è accusato dei reati di “Appropriazione indebita” e “Falso”.

L’indagine delle Fiamme Gialle ha permesso oltreché ad individuare il responsabile dell’ammanco dal conto corrente anche di recuperare l’intero valore corrispondente a quanto indebitamente distolto attraverso il sequestro dell’immobile di proprietà dello stesso indagato.

In definitiva l’arrestato dopo aver svuotato un conto, si è visto svuotare a sua volta il proprio, in attesa chel e indagini chiariscano la destinazione finale dei 460.000 euro “rivendicati” dalla cittadina tedesca, vittima dell’appropriazione indebita.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Millantato credito, imprenditore arrestato dai carabinieri Successivo Falconara, torna a splendere il cavallo della raffineria Api