Fabriano – Acquistate e mai utilizzate: ecco le nuovissime bici

bike fabriano

FABRIANO – IL BIKE SHARING resta una delle incompiute più lunghe e beffarde della storia della città, ma forse qualcosa comincia a muoversi dopo oltre tre anni dalla sistemazione delle stazioni per il prelievo delle bici. Sebbene i dodici velocipedi da tempo acquistati dal Comune giacciano ancora inutilizzati nel deposito comunale del Foro Boario, l’ente municipale sembra aver finalmente iniziato ad affrontare la questione con la volontà di trovare una soluzione per attivare le biciclette condivise. «Il mese scorso – dice l’assessore ai trasporti Leonardo Meloni – sono iniziati i primi contatti sia per trovare alcuni sponsor, sia per capire se la gestione del servizio può essere affidata a qualche soggetto non professionista in grado di garantire al Comune un esborso accettabile. Il problema è sempre stato proprio quello dei costi della gestione, perché ad oggi non possiamo permetterci di pagare diverse decine di migliaia di euro annui a chi si accolla la guida del servizio. Per questo motivo ci stiamo muovendo alla ricerca di sponsor e figure interessate alla gestione low cost. Siamo ancora alla fase embrionale ma ci auguriamo che in tempi non troppo lunghi si possa arrivare ad una soluzione». Nessuna certezza, insomma, ma prime contrattazioni in corso dopo che nei mesi passati si era fatta largo in amministrazione la possibilità di attivare il bike sharing senza alcun tipo di custodia, ovvero affidandosi solamente al senso civico e di responsabilità dei fruitori. Una soluzione a quanto pare rigettata proprio per il rischio di incappare in furti o atti vandalici. Di certo c’è che la storia infinita non ha ancora trovato una vera svolta, dopo che tutto iniziò nella primavera 2012 quando l’allora amministrazione Sorci inaugurò il nuovo parcheggio dei bus di via Bellocchi e all’interno del progetto co-finanziato dai fondi dell’Unione Europea inserì anche il posizionamento delle tre stazioni cittadine per prelievo e consegna delle bici. Notizia riferita dal Resto del Carlino di Fabriano

Precedente Lotta al traffico di droga: identificate oltre 40 persone Successivo Sfida salvezza al Del Duca, la diretta di Ascoli-Lanciano