Fabriano al ballottaggio – Santarelli: Abbiamo ridato dignità alla parola “politica”

Da Gabriele Santarelli:
Il clima che si è respirato più dei numeri, l’abbraccio delle persone
incontrate per le vie cittadine e dentro le osterie più delle foto della
piazza. Sono queste le cose importanti che rimangono dopo la giornata di
ieri. Abbiamo ridato dignità alla parola “politica” con i portavoce
scesi in mezzo ai cittadini e vivere un pezzo di Fabriano. Li abbiamo
portati a fare la carta al museo e ad ascoltare i pianoforti storici nel
museo del Pianoforte dei fratelli Veneri. Due scelte non casuali. Di
fronte al museo della carta ho fatto incontrare Di Maio e Di Battista
con due ragazzi che a Fabriano fanno carta a mano, ci tenevo in modo
particolare perché è fondamentale ripartire da qui per dare a Fabriano
una identità forte che negli anni è andata persa. Il Museo ha necessità

di essere rilanciato e di abbandonare la gestione chiusa e quasi
personalistica che l’ha contraddistinto per troppo tempo. Il progetto
dei fratelli Veneri non solo non è stato adeguatamente sostenuto
dall’amministrazione ma è stato addirittura ostacolato ed è stato triste
ieri pomeriggio, proprio durante un evento organizzato all’Accademia dei
Musici, ascoltare le parole di rammarico di Fedrigoni per l’assenza
delle istituzioni. Sono due simboli di quanto Fabriano potrebbe offrire
e di quante cose potremmo fare solo abbandonando la mentalità chiusa e
cupa che ci ha schiacciati a terra in questi decenni.
E’ stata una giornata passata con amici che ci sono venuti a sostenere
in un momento cruciale per la nostra città. Il 25 non verrà deciso solo
chi dovrà guidare la città nei prossimi 5 anni ma c’è in gioco il futuro
di Fabriano. Ieri abbiamo parlato di progetti concreti per ridare
dignità a Fabriano e lo abbiamo fatto portando gli esempi virtuosi dei
sindaci di Pomezia e Ragusa, due comuni amministrati dal Movimento 5
Stelle, che in pochi anni hanno cambiato volto semplicemente riportando
legalità nell’amministrazione e interrompendo i legami di clientele che,
anche nella nostra città, tolgono spazio e respiro alle iniziative
private.
E’ stato bellissimo vedere le persone avvicinarsi a Di Battista e a Di
Maio anche solo per stringere loro la mano, sentirli chiamare mentre
passeggiavano per il corso e osservarli mentre parlavano con i ragazzi
dentro le osterie. E’ stato altrettanto emozionante poter parlare in
piazza di fronte a persone attente, salutare tanti cittadini che ho
incontrato durante il giro e stamattina incrociare tanti sguardi
sorridenti mentre scendevo per il corso per raggiungere il banchetto.
Il clima, appunto. Credo che la cosa più bella di questa lunga campagna
elettorale sia il clima che siamo riusciti a creare intorno al nostro
progetto. Credo che siamo riusciti a far avvertire a molti cittadini la
positività, la passione e l’energia con le quali stiamo lavorando.
Settimana prossima torneremo ad andare incontro ai cittadini. Gli
appuntamenti saranno:
-Lunedi  ore 18:30 bar l’Angoletto
-Martedi  ore 18:30 bar Jolly
-Mercoledi incontro con le associazioni presso il Parco Unità d’Italia
– Giovedi ore 18:30 Coffee & Drink

Comunicato dal Movimento 5 Stelle Fabriano

Precedente Urbino, folla per Giacomo Guidi L'ultimo saluto al figlio dello stilista Successivo Calcio - Fabriano Cerreto, un lustro di successi