Fabriano – Arriva un «tetto» per i Giardini del Poio, saranno collegati al Palazzo del Podestà

giardini del poio fabriano

I GIARDINI del Poio che si rifanno il trucco con un gazebo utilizzabile con ogni clima e capace di chiudersi e aprirsi in modo meccanico e automatico; un corridoio coperto che collega al Palazzo del Podestà utile anche per mostre temporanee e convegni; lo stesso Palazzo del Podestà che si arricchisce di una sala conferenze da 236 posti e di spazi idonei per ospitare il nuovo Museo archeologico. E’ il progetto di riqualificazione e sistemazione dei gioielli del centro storico cittadino che dovrebbe completarsi per il prossimo Natale (il via ai lavori è previsto entro maggio) grazie a un accordo tra pubblico e privati. Ammontano, infatti, a 318mila euro i fondi europei Fas gestiti dalla Regione e assegnati a Fabriano ormai da una dozzina di anni che hanno rischiato di essere perduti e che invece ora possono essere utilizzati grazie a uno stanziamento di 100mila euro da parte di Veneto Banca divenuto decisivo per completare il budget a disposizione per l’articolato intervento. «All’ente creditizio va il nostro sincero ringraziamento», afferma il sindaco Giancarlo Sagramola che dal presidente dell’Italia centrale Fabrizio Mora e dal presidente del comitato esecutivo Maurizio Benvenuto strappa la promessa di altre possibili collaborazioni per iniziative di pubblico interesse. «Nel 2015 – evidenzia Benvenuto – Veneto Banca ha sostenuto il territorio fabrianese con investimenti per 600mila euro complessivi e ora con questo progetto intendiamo continuare nella stessa direzione». A breve l’assegnazione definitiva dei lavori per realizzare un percorso tra vetrate e pannelli che farà diventare quasi un unicum due delle strutture più affascinanti della città consegnandole alla fruizione sinergica per 365 giorni l’anno. Notizia riferita dal Resto del Carlino da Alessandro Di Marco

Precedente Banche: Codacons, Tar Lazio rinvia decisione ricorso bail-in Successivo Mutui, se non vengono pagate 7 rate le banche si prendono subito la casa