FABRIANO – BARTOLOZZI: SERVE UN PROGETTO A 360° PER POTER VALORIZZARE IL CENTRO STORICO

centro storico bartolozzi

FABRIANO Prima un progetto di valorizzazione a 360˚ per il centro storico e poi si può arrivare a discutere di pedonalizzazione completa. Questo il pensiero del presidente della sezione fabrianese della Confcommercio, Mauro Bartolozzi, in merito alla proposta che il capogruppo di Sel-Fbc, Emanuele Rossi, ha lanciato sull’ apertura di un dibattito serio sulla chiusura completa del centro storico cittadino. «Non ho nulla contro questa proposta, ma credo che rappresenti un passo successivo. Prima abbiamo bisogno di altro». Ed in quest’ottica i commercianti guardano con favore al progetto di valorizzazione del salotto buono della città che il Pd starebbe approntando. «Siamo stati contattati e ci è stato proposto un percorso. Speriamo sia la volta buona», dichiara Bartolozzi. «Partire prima dall’ornato pubblico, dall’illuminazione, dalla ri-pedonalizzazione commerciale del centro, dalla riqualificazione della viabilità, da un commercio di qualità attraverso una seria riflessione sulle categorie merceologiche che devono trovare spazi. Dopo, se tutto questo viene messo nero su bianco e si rende, quindi, attrattivo il centro, possiamo parlare di pedonalizzazione completa». Secondo Bartolozzi, «questo è un ragionamento sano che, sicuramente, non troverà ostacolo da parte nostra, anzi. Se non portiamo la gente, turisti compresi, in centro attraverso un’offerta degna di questo nome, se non lo ripopoliamo di residenti facendolo tornare appetibile e vivibile con servizi più efficienti e di qualità, ogni discorso non servirà a nulla». Per questo, «a prescindere da quale forza politica intenderà farlo», i commercianti «sono pronti a fare la propria parte, così come abbiamo sempre fatto. Noi viviamo in centro ed amiamo Fabriano, quindi siamo aperti a qualsiasi tipo di discussione». Notizia riferita da Claudio Curti IL MESSAGGERO

Precedente Ascoli-Latina, tocca a Perez Successivo Vallefoglia, fanno esplodere il bancomat Auto a fuoco, un bottino di 40 mila euro