FABRIANO – La “Bellezza” può nascere all’Oratorio del Gonfalone?

Mostra gonfalone

Sabato 8 novembre è stata inaugurata, all’Oratorio del Gonfalone, una mostra fotografica con i “presepi” realizzati nel dicembre scorso, in vari siti della città e nelle frazioni, nel centro della sala un tavolo ospiterà il Calendario 2015. Nel mese di novembre l’Oratorio del Gonfalone rimarrà aperto al pubblico il sabato e la domenica dalle 10,30-12.30 e dalle 15,30-19,30. Il filosofo e saggista bulgaro Cvetan Todorov (Sofia 1939), autore di numerose opere rivolte alla ragione della socialità dell’uomo, ha diretto il Centro di Ricerca sulle arti e il linguaggio a Parigi, ha insegnato alla Yale Universty, ha scritto un saggio sulla Bellezza che può salvare il mondo, attraverso la via dell’arte. Il testo ripercorre e analizza le vite di tre grandi autori: Oscar Wilde (1854-1900), Rainer Maria Rilke (1875-1926) e Marina Cvetaeva (1982-1941), scelti poiché hanno posto la loro intera esistenza al servizio del bello. Il saggista da la propria interpretazione a ciascuno di essi, concludendo con la sua riflessione sull’arte del vivere. Da alcuni anni l’Oratorio del Gonfalone di Fabriano ha presentato, alla città, allestimenti di oltre diciotto mostre che hanno messo in luce le attività creative di artisti e artigiani presenti nel nostro comprensorio. Queste iniziative culturali sono state una premessa, una testimonianza e un messaggio che la “Bellezza” può essere l’incentivo per una rinascita e consapevolezza di quel patrimonio culturale, monumentale, di cui la città di Fabriano è ricca. I promotori delle manifestazioni culturali che si svolgono nell’Oratorio del Gonfalone, hanno realizzato un Calendario 2015, grazie alla sensibilità di privati, Associazioni e Istituzioni, che vuole essere un simbolo, un documento tangibile, un messaggio positivo e di aggregazione sociale per tutta la nostra Comunità. Sabato 8 novembre verrà inaugurata, all’Oratorio del Gonfalone, una mostra fotografica con i “presepi” che sono stati realizzati nel dicembre scorso, in vari siti della città e nelle frazioni, nel centro della sala un tavolo ospiterà il Calendario 2015. L’obiettivo è quello di creare un percorso presepiale che, anno dopo anno, inviti appassionati, artigiani e comuni cittadini a realizzare presepi da esporre in diversi siti nel cuore storico della città. Si ringrazia pubblicamente il dott. Sergio Latini per la concessione della splendida vetrina degli ex magazzini Latini, uno spazio espositivo di grande visibilità che attirerà l’attenzione di tanti fabrianesi e turisti. Ma, il progetto del calendario nasce, anche, come strumento divulgativo e informativo per i tanti turisti che, grazie alla meravigliosa Mostra da “Giotto a Gentile” sono presenti in città, seguiranno comodamente da casa il sito creato per l’Oratorio del Gonfalone, che nella metà di novembre sarà operativo in rete. Il dominio registrato è: www.oratoriodelgonfalonedifabriano.it il sito verrà continuamente aggiornato con le manifestazioni culturali che sono già programmate per tutto il 2015 all’Oratorio del Gonfalone. L’iniziativa del calendario ha, anche, una finalità di grande rilievo sociale rivolta al recupero e valorizzazione del Chiostro di Sant’Agostino con l’obiettivo di aprire al pubblico l’Oratorio dei Beati Becchetti. Un progetto che vede inizialmente la pulizia dello spazio verde eseguita da personale specializzato e un restyling del loggiato. Tramite sponsor e mecenati si chiederanno fondi per il restauro del Tempietto, dove c’è un interessante affresco tardogotico attribuito al pittore Lorenzo Salimbeni (1374- 1420 circa) di San Severino Marche. Altre iniziative collaterali sono nate, dalle attività dei curatori dell’Oratorio del Gonfalone, con l’obiettivo di abbellire con opere artistiche alcune zone storiche della città. Il progetto prevede l’istallazione di una scultura in ceramica ideata dall’artista fabrianese Domenico Michetti, nel portale gotico dell’ex Monastero di Santa Caterina da Siena, in via Damiano Chiesa. Il bozzetto già realizzato dal noto scultore, rappresenta scene di vita monastica con in rilievo l’icona della Madonnina delle Lacrime, che da cinquecento anni è venerata per i prodigiosi miracoli che si sono succeduti fino ai nostri giorni. La sacra immagine è, oggi, protetta e ospitata nella seconda cappella a destra in Cattedrale. Alcune opere in ceramica di Domenico Michetti, sono esposte presso le Scuole Medie: Marco Polo e Gentile da Fabriano.

Daniele Gattucci

Precedente Servizi, il Comune si fa dare il voto Questionario a disposizione dei cittadini Successivo Vincono Sapienza e Marini Il Belcanto strega Amandola