Fabriano – Casa dei liceali, è già bufera: «Inaccessibile per i disabili»

casa liceali

Fabriano – Solari: «Mancano anche l’aula magna e la rotatoria» LA CASA DEI LICEALI al centro della polemica ancora prima dell’atteso debutto del 14 settembre quando per la prima volta verranno ospitati nel campus scolastico di Brosciano-Santa Croce gli alunni dei licei Classico, Scientifico e Artistico oltre agli operatori del Centro per l’impiego. Ad una dozzina di giorni dall’esordio della struttura che ospiterà oltre un migliaio tra studenti e docenti, è il capogruppo consiliare del ‘Polo 3.0’ Sergio Solari ad esternare tutte le sue perplessità dopo un sopralluogo sul posto. «Scuola nuova, errori vecchi», si lamenta Solari. «SIAMO DI FRONTE ad un plesso che già propone svariate criticità a cominciare dall’eccessiva presenza di barriera architettoniche che penalizza gli studenti disabili e che rende particolarmente complessi gli interventi d’emergenza da parte di ambulanze e mezzi di soccorso impossibilitati ad accedere ad alcuni settori dell’edificio. Poi c’è la questione relativa all’assenza di un’aula magna, cosa decisamente anomala per una struttura di questa portata e quella della mancanza di una sala e di annessi spogliatoio per i bidelli. Quanto alle palestre fa specie come non siano dotate di tribune e dunque penalizzino non poco le società sportive che intendono utilizzarle». Una lunga serie di dubbi, insomma, che portano Solari a sostenere come «il campus scolastico sia stato pensato più per soddisfare le esigenze dei chi ha effettuato i lavori e messo a disposizione l’area che non dei fruitori». SUL FRONTEdella viabilità, invece, il problema maggiore sarà rappresentato dalla presenza di una sola via d’accesso, in quanto la realizzazione della strada-bis nei pressi del cimitero slitterà al 2016 a causa del protrarsi dei tempi tecnici legati agli espropri. Un disagio non di poco conto a cui si cercherà di ovviare con la corsa contro il tempo in atto in questi giorni per completare a brevissimo la rotatoria di via Dante donata al Comune dall’azienda Elica di Francesco Casoli. In arrivo il potenziamento di bus urbani e scuolabus che verranno affiancati ogni mattina da due navette in partenza dal parcheggio di via Bellocchi in direzione cittadella degli studi. Proprio per questo motivo l’assessore ai trasporti Leonando Meloni e gli operatori della Contram, la cooperativa che gestisce i bus urbani, stanno ultimando il nuovo piano della mobilità pubblica, attraverso il quale proprio il posteggio dei pullman in via Bellocchi si chiamerà ‘Terminal’, ovvero una sorta di capolinea-bis affiancando per importanza la stazione di piazzale Matteotti dove oggi è maggiore la concentrazione dei torpedoni.

Ce lo riferisce Alessandro Di Marco sulle pagine del Resto del Carlino

Precedente San Benedetto, bambina di un anno cade da 4 metri e si frattura la testa Successivo Fabriano - Lavori in via Miliani terminati entro il mese