Fabriano – Cinghiali, i cacciatori tornano in azione di notte senza cani ne armi

cinghiali di notte

– FABRIANO – CACCIATORI in azione in piena notte senza cani ne armi per scoprire i nascondigli dei cinghiali in preparazione di una nuova sessione di caccia urbana. Proprio in questi giorni, poco prima dell’alba, squadre di cacciatori specializzati stanno battendo il territorio in particolare nei pressi dell’ospedale Profili, nella zona di via Aldo Moro e nell’area tra la stazione ferroviaria e gli uffici di Whirlpool. «L’obiettivo – spiega il sindaco Giancarlo Sagramola – è capire dove è posizionata quella che in gergo venatorio viene definita la rimessa, ovvero il quartier generale in cui i cinghiali si ritrovano in modo pressoché stanziale prima di recarsi nelle zone limitrofe alal ricerca di cibo. Chiaramente questa azione è propedeutica a una battuta con i cani e con le armi, queste ultime ovviamente da utilizzare solo nelle zone in cui è consentito, ovvero ad almeno 150 metri di distanza dalle case». Insomma, dopo i 14 cinghiali abbattuti dieci giorni fa in via Bovio, si prepara il bis, con ogni probabilità nella prima parte del mese di dicembre e di nuovo in una domenica mattina sfruttando la chiusura di uffici e negozi in quanto si prevede una città blindata con strade chiuse a veicoli e pedoni per consentire il blitz dei cacciatori. «Prima di entrare in azione – aggiunge il sindaco – è appunto necessario essere certi di dove si ritrovano i cinghiali, o comunque aere un’alta probabilità di stanarli proprio come avvenuti in via Bovio dove si è andati praticamente a colpo sicuro. Servirà anche prendere dei provvedimenti importanti e straordinari legati alla limitazione della viabilità e per questo a breve mi incontrerò con le forze di polizia per mettere a punto tutti i dettagli organizzativi e far sì che l’operazione si svolga nella massima sicurezza». Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Marina fa mappatura porto Ancona Successivo Ancona, arrestato il leader dei tifosi Alessio Abram. Deve scontare 4 anni