Fabriano – Degrado e furti, il cimitero cade a pezzi

cimitero fabriano

– FABRIANO – La scalinata rovinata, la chiesetta perde l’intonaco. Il custode: «Serve intervenire» DEGRADO e furti protagonisti al principale cimitero cittadino di Santa Maria che in vista della ricorrenza dei defunti deve fare i conti con più di una criticità. In particolare a preoccupare sono le condizioni della scalinata di accesso che – come sottolineato in un’interrogazione del gruppo consiliare ‘Città progetto’ – presentano diversi gradoni scrostati e a rischio cedimento. CARTELLI e segnaletica che invitano a fare attenzione sono presenti, ma il degrado è evidente come pure all’interno della chiesa del cimitero, dove le infiltrazioni di umidità hanno creato diversi problemi. «I tecnici del Comune – afferma il custode Alfredo Cipriani – sono a conoscenza della situazione in particolare in riferimento alla scalinata, tanto che recentemente hanno anche effettuato un sopralluogo sul posto». POSSIBILE, dunque, che si intervenga, come pure a livello di sicurezza c’è chi invoca interventi determinanti, su tutti l’installazione di telecamere in grado di debellare il fenomeno dei furti. Negli ultimi mesi sono aumentati i blitz legati all’accaparramento del rame delle caditoie e delle varie cappelline, «l’ultimo dei quali – afferma il custode – si è registrato il 24 giugno nel giorno del patrono». ECCO PERCHÉ c’è chi invoca le spycam anche per evitare che, soprattutto nei periodi di maggiore affluenza, si ripeta come avvenuto negli anni scorsi il verificarsi di reati predatori soprattutto nelle auto parcheggiate davanti alla struttura a cui più volte sono stati rotti i finestrini o forzate le portiere per accaparrarsi qualsiasi tipo di oggetto presente nelle vetture. Da qualche settimana, invece, la presenze in zona sono aumentate, in quanto dal lunedì al sabato decine di studenti decidono di transitare a piedi proprio il cimitero per salire dal parcheggio di via Bellocchi al nuovo campus scolastico di Santa Croce oppure compiere il percorso inverso. «QUALCUNO – sostiene il custode – si è un po’ lamentato di questo flusso, ma va detto che i ragazzi sono sempre molto rispettosi e non si sono mai verificati episodi preoccupanti o spiacevoli». Intanto in Comune hanno dato il via libera al piano delle opere pubbliche che prevede la realizzazione di nuovi loculi per un importo complessivo di 550mila euro per evitare che a breve si ponga il problema degli spazi tutti saturi per i defunti. Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ancona, travolta da un furgone scaraventata a terra a 79 anni Successivo Anas incorpora Quadrilatero Spa