Fabriano, disabili: vertice contro il caro rette

assistenza disabili

FABRIANO – VERTICEstasera alle 19 tra il sindaco Giancarlo Sagramola e i genitori dei ragazzi disabili ospitati al centro sociale ‘Un mondo a colori’ dopo i tagli divenuti operativi lo scorso fine settimana attraverso una lettera inviata dalla Regione. Una riorganizzazione che prevede una riduzione dei servizi a fronte di un sensibile incremento della retta mensile per i 19 disabili che frequentano la struttura. «In particolare – si lamentano i genitori – è stata cancellata la fruizione pomeridiana dalle 16 alle 18, mentre la cifra da pagare di fatto è raddoppiata passando in media da 130 euro a 250 senza dimenticare l’ulteriore riduzione degli educatori e il mancato rinnovo del contratto a due operatori a tempo determinati. La Regione è la destinataria delle nostre rimostranze, ma abbiamo chiesto un confronto con gli amministratori del Comune nella speranza che si possa fare qualcosa». Stasera, dunque, il faccia a faccia con il primo cittadino a cui si chiede un’azione di moral suasion nei confronti dell’ente regionale. «Da parte del Comune – dice il sindaco Sagramola – c’è stato il massimo impegno nel co-finanziare il servizio assieme alla Regione, tant’è che la nostra quota parte è rimasta quasi invariata. E’ stato effettuato solo un taglio molto lieve e se così avesse fatto anche la Regione per quanto di sua competenza sicuramente non sarebbero emersi questi problemi. Ovviamente capisco le ragioni dei genitori che si devono confrontare con la decurtazione, ma a onor del vero va detto che a Fabriano in passato ci si era abituati piuttosto bene, visto che si è arrivati a spendere qualcosa come 22mila euro per ogni utente del centro sociale». Notizia riferita dal Resto del Carlino

Precedente Il mondo della Street art protagonista al Tattoo Expo Successivo Vento scoperchia tetto Whirlpool,ferito